Ambiente/Consumo di Suolo - Cementificazione/Inquinamento/Progetti di Finanza e Grandi Opere/Strade e Ferrovie/Territorio

Vernizzi sulla graticola: Il dossier esplosivo della Corte dei conti sulla Pedemontana Veneta

«I controlli dei ministeri competenti e della Regione Veneto risultano assenti» e appare incerta «la sostenibilità finanziaria dell’opera» il cui costo è cresciuto ormai sino a tre miliardi di euro. «La convenzione con il concessionario» il consorzio Sis-Spv presenta condizioni di notevole convenienza per il privato; genera «l’alea un potenziale debito pubblico occulto sulla Regione dal momento che il rischio di mercato «risulta sbilanciato a sfavore della parte pubblica».

Corte 03

Convocate a Roma dalla Corte dei Conti, oltre a varie cariche istituzionali la Regione, i comuni interessati, inclusi ovviamente gli amministratori di Cassola e varie associazioni di cittadini tra cui il Co.Ve.Pa. presso la sede centrale della Corte dei Conti a Roma il 21 dicembre prossimo alle ore 10,30, l’oggetto dell’incontro sarà la “Relazione concernente la superstrada a pedaggio “Pedernontana Veneta”

Da Teapile di Marco Milioni

Per leggere l’articolo su Teapile Cliccare qui

Sono questi alcuni dei passaggi salienti con cui la Corte dei Conti a Roma, ovvero la «Sezione centrale di controllo sulla gestione delle amministrazioni dello Stato» mette sulla graticola la Pedemontana Veneta nonché l’operato del suo commissario straordinario, l’ingegnere rodigino Silvano Vernizzi. Corte 02

Il documento, un vero e proprio dossier esplosivo di 161 pagine, ricche di grafici, analisi economiche e giuridiche è firmato dal responsabile della sezione, Antonio Mezzera, il magistrato che a suon di carte bollate da mesi sta duellando a distanza non solo con Vernizzi ma anche con i funzionari della regione e con molte amministrazioni locali, che su Spv avrebbero tenuto un comportamento ambiguo.

Scopo della relazione di Mezzera, questo è il compito che gli assegna il suo ufficio, è quello di fare luce sugli aspetti economico-giuridici per segnalare eventuali anomalie ed incongruità.

La relazione peraltro, che porta la data del 9 dicembre ed è stata resa nota ieri dal consigliere regionale Andrea Zanoni sul suo portale , muove un altro durissimo j’accuse al commissario quando parla del collaudo dell’opera.

Collaudo affidato «in contrasto con la normativa comunitaria che impone una procedura ad evidenza pubblica». E altrettanto dura in tal senso è la posizione di Zanoni che spiega «Finalmente verrà fatta chiarezza sui troppi lati oscuri di questo progetto… che fin dal 2011 denunciai alla Commissione europea nella mia veste d’allora, ovvero quella di Eurodeputato».

Ora, almeno sul piano mediatico, la querelle Spv si riapre perché la Corte dei conti ha finito per mettere il timbro della ufficialità dello Stato su una serie di rilievi già posti da alcuni media, da comitati e associazioni.

Il tutto, con la vertenza Spv che per di più si accinge ad essere vagliata dal Consiglio di Stato nell’ambito delle opposizioni mosse dai ricorrenti, potrebbe avere anche risvolti di natura penale: da mesi si parla, senza riscontri peraltro, di fascicoli aperti in una o più procure del Veneto. Ma le notizie giunte ieri da Roma potrebbero imprimere una svolta decisiva.

Tutti i relativi documenti sono visionabili e/o scaricabili dal sito di Andrea Zanoni.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...