Informazione

Renzi in guerra ……. contro i Fatti!

“Mettere alla berlina i giornali e i giornalisti scomodi, agitando bavagli più o meno mascherati, è tipico dei regimi”

Firenze, Leopolda 6 Terra degli Uomini

Renzi attacca il Fatto Quotidiano (Giornale quotidiano che non riceve alcun finanziamento pubblico e forse, proprio per questo motivo si può permettere il lusso di diffondere la verità, con NOTIZIE DOCUMENTATE, quella verità che sempre più è assente in altri giornali e nelle TV) Ma la sua è una guerra inutile, meglio farebbe a fare qualcosa per l’Italia e gli Italiani, al di là dei soliti simpatici “Bonus” come quello ai pensionati, o quello di 500 euro ai giovani, agli 80 euro ai poliziotti e ai famosi 80 euro distribuiti a pioggia a chi uno stipendio lo aveva già.

Il tempo e la verità sono i due alleati di Renzi, dichiara dal palco mediatico della Leopolda, ma a guardar bene il tempo e la verità sembrano essere gli unici due avversari contro cui Renzi nulla può, nulla possono le slide menzognere o le televendite a cui gli italiani si stanno, purtroppo, abituando.

Matteo Salvini alla sede di Banca Etruria ad Arezzo

Ecco la differenza tra la propaganda Leopoldina ed i FATTI:

CONFLITTO DI INTERESSI:
Occorre una legge sul conflitto di interessi (Del Rio 23-02-14) ….. Mai Vista!

CRESCITA:
Il Pil è previsto allo 0,9%, ma secondo me arriviamo a 1 (Renzi 4-10-15) In realtà arriveremo a stento allo 0,7%, Padoan addossa la colpa agli attentati di Parigi, ma nel computo statistico non sono ancora stati conteggiati.

EXPO:
Un abbraccio ai gufi per le catastrofiche previsioni (Renzi 12-12-15) In sei mesi ci sono stati 20 milioni di ingressi, che scendono a 18 se togliamo gli ingressi degli addetti ai lavori. Per ottenere il pareggio finanziario i biglietti si dovevano vendere ad non meno di 19,00 Euro ciascuno, secondo fonti interne il prezzo medio tra sconti e offerte speciali è di 10 Euro a biglietto.  I conti sono ancora ignoti così come il destino dell’area, a parte le sparate dell’imbonitore fiorentino.

EVASIONE:
Non si è fatto niente, anzi l’innovazione Renziana alza la soglia sull’uso dei contanti e aumenta la soglia dell’impunibilità per il falso in bilancio, le entrate da accertamenti fiscali diminuiscono di 110 milioni di Euro.

“Prima inseguivamo gli evasori per indagarli, ora per risarcirli” (Antonio de Nicola Procuratore della Repubblica 06-11-15)

FLESSIBILITA’:
Per Renzi la flessibilià è quella di poter fare il cavolo che vuole senza rendere conto a nessuno, e senza essere stato mai autorizzato da nessuno come ad esempio (non limitativo) quella di utilizzare la flessibilità migranti per poter spendere (IN DEFICIT) altri 2.6 miliardi di Euro per il bonus cultua ai diciottenni e gli 80 euro ai poliziotti in nome della lotta al terrorismo. (leggasi campagna elettorale anticipata) peccato che quei soldi nelle intenzioni dell’Europa e nelle promesse dovevano essere destinati alla riduzione delle tasse per le imprese.

LEGGE ELETTORALE:
Occorre una legge elettorale per scegliere direttamente gli elettori e un tetto di tre mandati parlamentari, senza eccezioni (Renzi 03-04-2011).
Ma con le “SUE” riforme i partiti continuano a nominarsi i deputati, mentre per il senato si aboliscono addirittura le elezioni, dei tre mandati nessuna traccia.
“L’importante è dare ai cittadini la possibilità di scegliere liberamente, non necessariamente di incasellarsi in destra o sinistra; Comunque la pensi, puoi scegliere chi votare di volta in volta in base alla personalità di chi si candida e le idee che esprime nel suo programma” (Renzi 07-11-12)
Ma con le “SUE” riforme i partiti continueranno ad impedire ai cittadini di scegliere e guardare in faccia i propri rappresentanti.

LAVORO:
“Noi quest’anno abbiamo creato tanti posti di lavoro e abbiamo dato una speranza a tante persone” (Renzi 12-12-15)  Al di là delle roboanti cifre che ci vengono propinate dai soliti media asserviti al Renzismo i FATTI ci dicono che a dicembre 2014 in Italia c’erano 14.525.000 occupati a tempo indeterminato, a ottobre 2015 gli occupati sono 14.527.000. Il governo Renzi ha quindi speso 3 miliardi di euro in incentivi per ottenere 2.000 posti di lavoro a tempo indeterminato in più. Il cui costo salirà, fino al 2019, a 11,7 miliardi di Euro,

RAI:
“Vogliamo cacciare i partiti dalla RAI” (Renzi 01-06-14) La riforma RAI è ancora evanescente e il consiglio di amministrazione è stato lottizzato come da tradizione.

RISPARMIO:
“Ci sono 4.000 miliardi di Euro di risparmio privato immobilizzati da messaggi allarmistici, talvolta terrificanti, dare un messaggio di fiducia significa valorizzare ciò che abbiamo e rimettere in moto i consumi” (Renzi 12-12-15)
Il governo ci ha messo un anno per recepire la direttiva europea sul “bail in” che andrà a regime a gennaio del 2016. Ma per “Salvare 4 banche con i soldi del risparmio privato, tra cui, guarda caso, la Banca Etruria” hanno addirittura anticipato la data al 16-11-2015. A colpi di fiducie, decreti e leggi approvate nottetempo quasi di nascosto riusciranno a mettere le mani su tutti i risparmi degli Italiani?

SALARIO MINIMO:
“Nel Jobs Act ci sarà il salario minimo” (Renzi 12-03-14) Mai nessuna norma è stata approvata sul salario minimo.

SANITA’:
“Nella legge di stabilità ci saranno mille poltrone in meno, ma nessun taglio sulla sanità” (Renzi 05-10-15) Nel 2016 i fondi per la sanità da 113 milirdi di Euro passeranno a 111, ma Renzi nega che sia un taglio.

VITALIZI:
Cambiare in nome dell’equità e della giustizia le regole per le pensioni, ma nel pacchetto ci deve essere a tutti i costi l’abolizione di qualsiasi vitalizio per i politici (Renzi 25-10-11)  Gli unici vitalizi aboliti riguardano rari casi di parlamentari condannati per alcuni reati gravi, ma non quello d’abusio d’ufficio reato tipicamente proprio dei politici e altre figure istituzionali.

TASSE:
Stendiamo un velo pietoso sulle balle che ci vengono raccontate

POLITICA ESTERA:
Inesistente

Presentazione del nuovo giornale "Il Fatto Quotidiano"

Renzi contro il Fatto Quotidiano: la risposta della direzione e della redazione

“All’editto bulgaro oggi segue, in scala proporzionata alla statura dei personaggi, l’edittino della Leopolda. Il fatto di essere finiti nel mirino di governi di destra, di centro e di sinistra, politici e tecnici, è per noi la migliore conferma che facciamo onestamente e imparzialmente il nostro mestiere”

Per leggere l’articolo sul sito de Il Fatto Quotidiano Cliccare qui

Leopolda, Renzi: “E’ buona politica, ma giornali parlano d’altro”. Fnsi: “Li mette alla berlina come Berlusconi e Grillo”

Il presidente del Consiglio annuncia che la convention il prossimo anno si moltiplicherà in mille città in vista del referendum costituzionale: “Tre giorni fantastici pieni di idee, sogni e progetti”. La Federazione della Stampa: “Dall’editto bulgaro alle scomuniche del blog fino alle parole del capo del governo: filo rosso è sempre l’avversione a chi non è allineato”

Per leggere l’articolo sul sito de Il Fatto Quotidiano Cliccare qui

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...