Politichese e dintorni/Progetti di Finanza e Grandi Opere

Mose, Cassazione rigetta ricorso Chisso

La corte di Cassazione ha rigettato i motivi del ricorso avanzati dal legale dell’ex assessore regionale veneto Renato Chisso, ai domiciliari per l’inchiesta Mose.

Chisso - 02

Da Veneto Vox

Cattura

Mose, Cassazione rigetta ricorso Chisso

Definita pena decisa in sede patteggiamento, due anni e sei mesi. La corte di Cassazione ha rigettato i motivi del ricorso avanzati dal legale dell’ex assessore regionale veneto Renato Chisso, ai domiciliari per l’inchiesta Mose, rendendo definitiva di fatto la pena a due anni, sei mesi e dieci giorni emersa in sede di patteggiamento. Il difensore di Chisso, l’avvocato Antonio Forza, ha espresso un certo sconcerto per la decisione dei giudici rilevando che appena due mesi fa la stessa Corte di Cassazione in un’altra sentenza aveva sostenuto un principio «che è quello della nostra memoria e adesso vedo che quel principio è stato bypassato».

Il punto centrale riguardante il ricorso era relativo alla contestazione della validità della confisca, per valore possibile di due milioni di euro, decisa dal Gup in sede di patteggiamento alcuni mesi fa. In sostanza, il giudice, sulla scorta dell’indagine della procura che aveva ricostruito presunte tangenti per 6 milioni di euro, aveva disposto, in quell’occasione, l’eventuale recupero di 2 milioni qualora venissero rinvenute le eventuali dazioni finora mai trovate dagli inquirenti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...