Informazione

Commissione Ue diffida Italia: “Permetta di produrre formaggio anche senza latte”

Siamo di fronte all’ultimo diktat di un’Europa che tentenna sull’emigrazione, ma che è pronta ad assecondare le lobby che vogliono costringerci ad abbassare gli standard qualitativi dei nostri prodotti alimentari difesi da generazioni di produttori.

World Cheese Awards al BBC Good Food Show

Sono partiti da lontano, ma i burocrati Europei ce la stanno mettendo tutta per distruggere l’economia Italiana, mentre i nostri governanti sembrano acconsentire ben felici.

Che fine ha fatto la Mogherini rappresentante italiana in Europa, il semestre a conduzione italiana è passato inosservato come il film “La corazzata Potëmkin” proiettato in una festa della birra. (Dei film del regista premio oscar, ma non è arte, Stanley Kubrick parleremo in seguito)

I giornali ed i Media in generale, che dovrebbero fare informazione, più che altro fanno propaganda a favore del “Fiorentino che non deve chiedere mai” novello Robin Hood, che con i suoi allegri compagni prende ai poveri per donare ai ricchi.

Ci nascondono, secretandoli, i documenti del TTIP, il grande trattato di scambio per permettere , tra le altre cose, anche l’ingresso in Europa degli OGM.
Gli “alleati” Europei con la scusa della crisi e lo spauracchio di Cipro prima e della Grecia ora, vogliono farci intendere che la colpa è sempre e comunque la nostra, siamo noi, ci dicono, che abbiamo vissuto al di sopra delle nostre possibilità, e adesso dobbiamo tirare la cinghia.
Così, con la scusa del debito ci dicono che bisogna risparmiare e quindi ci riducono i servizi pubblici… mentre nei ritagli di tempo continuano ad elargire decine di miliardari pubblici alle banche e ai gestori del gioco d’azzardo.
Poi ci dicono che bisogna tagliare sulla sanità e i cittadini sono invitati ad andare a curarsi presso strutture private.
La pensione del futuro non sarà sufficiente e i lavoratori sono praticamente costretti a ricorrere ad assicurazioni integrative private.

La riduzione dei servizi è funzionale e necessaria per l’apertura di nuovi mercati privati.

Tutto quello che era garantito dallo stato tramite i soldi delle nostre tasse sta pian piano scomparendo, mentre i nostri soldi vengono divorati, oltre che dalla onnipresente “Corruzione”, da inutili incompiute e maestose opere che di solito non servono a nessuno se non ai costruttori, mentre le poche che servono vengono distrutte, anche a distanza di pochi giorni da pompose inaugurazioni, da calamità “Naturali” previste e prevedibili.

E così si giustifica la distruzione sistematica delle località turistiche, delle zone di pregio, dei mari ove a breve sorgeranno a decine anche le trivelle di società americane, mentre milioni di metri quadri di aree coltivate vengono distrutti nel nome del progresso e della crescita. Turismo, mari, aree coltivate e zone di pregio che davano lavoro a decine di migliaia di persone e migliaia di piccole imprese.
E per aiutare questi “poveri” lavoratori messi in mezzo ad una strada, nonché la massa di giovani disoccupati “L’intellighenzia” si sveglia un mattino e come al solito, a colpi di fiducia (votata anche da persone che scaldano la sedia solo per il vitalizio) si inventano che togliendo i “Diritti Acquisiti” dei lavoratori le imprese saranno invogliate ad assumere, dimenticando però che la legge di mercato (fortunatamente non fatta da loro altrimenti sarebbe un altro incomprensibile) ci insegna che se non c’è il lavoro gli imprenditori non assumono in ogni caso e, come sempre hanno fatto, in mancanza di lavoro i lavoratori restano a casa, diritti o non diritti.

Vedremo quanti di questi contratti “A Tutele Crescenti” sono delle semplici conversioni di ex partite iva, ex lavoratori a tempo determinato e quanti di questi saranno poi confermati quando finiranno le agevolazioni.

Ma l’importante sembra essere la distruzione e la scomparsa delle piccole e medie imprese, devono essere distrutte anche queste, non sia mai che in Italia il PIL sia il prodotto del loro lavoro che al contrario di quanto pensano i nostri “Burocrati” sono ancora l’ossatura della nazione stessa. E giorno dopo giorno i piccoli vengono costretti a chiudere, prima fagocitati, poi smembrati e distrutti dalla grande industria, dalla grande distribuzione da tutto ciò che è grande, come, ed è più che evidente, dall’intelligenza di chi è al potere, mentre gli Italiani, popolo di santi, poeti, navigatori e artisti si stanno trasformando in lavoratori a basso costo da reclutare a secondo del bisogno dai “Caporali” Europei.

Ora l’Europa ci “ORDINA” di fare i formaggi senza latte, ma se li facessero a casa loro i formaggi senza latte e magari se li possono anche infilare in un panino fatto con polvere di segatura OGM e metterci sopra a condimento un po’ di quei prodotti che l’industria chimica chiama salse.

L’industria Italiana sta scomparendo, le attività, definite, strategiche, sono ormai quasi tutte in mano a multinazionali straniere, l’acqua da bene pubblico è diventata, nonostante un referendum, un bene privato, ormai di buono ci restano le piccole e medie imprese, il turismo, e le biodiversità che ci consentono di primeggiare nel mondo per quanto riguarda qualità e bontà dei prodotti agricoli, ma per quanto ancora?

E per quanto ancora l’Italia deve continuare a piegarsi ai voleri di una Europa che guarda solo ed esclusivamente ai profitti dei grandi mentre i nostri governanti continuano a dire “Obbedisco”. Stiamo aspettando il piano “B” ma se è come la vendita delle auto blù e il piano Cottarelli lo aspetteremo per decenni, anzi, non lo vedremo mai!

Signori e Signore il business è servito!

Non è casuale, questo sembra essere il vero programma studiato dai poteri forti e messo in pratica dal governo Renzi…

Formaggio in Polvere - 02

Da Il Fatto Quotidiano.it

Cattura 00

Commissione Ue diffida Italia: “Permetta di produrre formaggio anche senza latte

L’esecutivo europeo chiede alla Penisola di adeguarsi alla normativa degli altri Paesi, dove l’industria casearia ricorre normalmente a succedanei come il latte in polvere. Coldiretti: “Siamo di fronte all’ultimo diktat dell’Europa, pronta ad assecondare le lobby che vogliono costringerci ad abbassare gli standard qualitativi”

Dare il via libera anche in Italia al formaggio prodotto senza latte: a chiederlo è l’Europa. La Commissione europea ha infatti inviato a Roma una diffida in cui definisce troppo stringenti le leggi italiane in materia e auspica che la Penisola metta fine al divieto di utilizzo di latte in polvere concentrato e ricostituito per la fabbricazione del formaggio. La normativa italiana, che proibisce l’uso di surrogati, è considerata un ostacolo alla “libera circolazione delle merci”, dato che nel resto dell’Unione europea i “latticini senza latte” (formaggio ma anche yogurt) sono di uso comune.

Se passasse l’adeguamento al ribasso è evidente il rischio di conseguenze per l’intera filiera dell’industria casearia italiana. “Siamo di fronte all’ultimo diktat di un’Europa che tentenna su emergenze storiche come l’emigrazione, ma che è pronta ad assecondare le lobby che vogliono costringerci ad abbassare gli standard qualitativi dei nostri prodotti alimentari difesi da generazioni di produttori”, ha commentato Roberto Moncalvo, presidente della Coldiretti.

Secondo il numero uno dei coltivatori diretti occorre “salvaguardare le aspettative dei consumatori per quanto concerne l’autenticità e la qualità delle materie prime adoperate”. Si tratta, aggiunge Moncalvo, “di una scelta che ha garantito fino ad ora il primato della produzione lattiero casearia italiana, che riscuote un apprezzamento crescente in tutto il mondo dove le esportazioni di formaggi e latticini sono aumentate del 9,3 per cento nel primo trimestre del 2015″.

Annunci

One thought on “Commissione Ue diffida Italia: “Permetta di produrre formaggio anche senza latte”

  1. Pingback: Attacco velenoso della UE alla produzione dei formaggi Italiani. | No gassificatore di rifiuti pericolosi e non a Cassola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...