Informazione

La rappresaglia di Renzi e Alfano contro il Veneto è scattata.

Profughi nelle località turistiche venete. La rappresaglia di Renzi e Alfano contro il Veneto è scattata. Risponderemo con atti formali, attacca il rieletto presidente della Regione.

02 - Eraclea

Da Bassano Più di Edoardo Andrein

Cattura

Profughi nelle località turistiche venete

“Nemmeno un profugo, non uno, deve essere inviato in nessuna località turistica. Giù le mani dagli appartamenti e dagli hotel nelle zone turistiche del Veneto”. Luca Zaia è un presidente del Veneto inferocito dopo le notizie uscite sui circa 100 profughi che sarebbero ospitati in appartamenti privati a Eraclea e sui 380 in arrivo per l’estate in altre località turistiche in case sfitte.

“La rappresaglia di Renzi e Alfano contro il Veneto è scattata. Risponderemo con atti formali”, attacca il rieletto presidente della Regione.

Intanto nonostante l’ostracismo e le polemiche dei governatori del Nord di centrodestra, con in testa l’ex Ministro dell’Interno Roberto Maroni, attuale presidente di Regione Lombardia, supportato da Giovanni Toti della Liguria e lo stesso Zaia, i profughi continuano ad essere distribuiti tra le Regioni e ne sono arrivati nella notte del 9 giugno a Vicenza altri 79.

Se Renzi e Alfano vogliono distruggere la prima economia di questa Regione con 70 milioni di arrivi, migliaia e migliaia di posti di lavoro anche per gli immigrati regolari che ospitiamo e 16 miliardi di fatturato hanno trovato la via più breve. Anche per i Prefetti – aggiunge Zaia – è arrivato il momento di scegliere, perché i diktat contro la gente e gli amministratori che la rappresentano non farebbero altro che alimentare la già alta tensione sociale.

Renzi e Alfano – conclude il Governatore del Veneto – sappiano che la mia non è una battaglia di sole parole e se non ci credono devono solo aspettare le ore necessarie per la definizione, anche giuridica, di una serie di atti concreti, formali, legittimi, incontrovertibili.

Intanto i parlamentari vicentini della Lega Nord invitano a chiamare la Prefettura per fermare “l’esodo incontrollato”.

Chi volesse delucidazioni, chiarimenti, informazioni e spese per quanto riguarda l’accoglienza dei clandestini può chiamare la prefettura di riferimento del proprio territorio; per i vicentini il numero telefonico della prefettura di Vicenza è: 0444 338411, scrivono la senatrice della Lega Nord Erika Stefani e il deputato Filippo Busin sul loro profilo Facebook.

03 - Eraclea

E nel frattempo in Sardegna un centinaio di “Migranti” si rifiutano di scendere dagli autobus perché l’agriturismo è isolato e lontano dal centro abitato, il prefetto, per convincerli, ha fatto portare altre televisioni , verrà piazzata una cucina che verrà messa a disposizione, e installate delle connessioni internet.

Da La Stampa

Cattura01

Sardegna, migranti asserragliati in un pullman da ore: non vogliono essere trasferiti

Un centinaio di ragazzi non accetta come meta un agriturismo lontano dal centro abitato. Le trattative proseguono da ore

Prosegue sotto il sole a Palmadula, la borgata del comune di Sassari, la trattativa ad oltranza fra il centinaio di migranti, che hanno dato vita a una rivolta dopo essere stati trasferiti dal Centro di accoglienza di Santa Maria La Palma (Alghero), e i funzionari della questura e della prefettura che cercano di convincerli a prendere posto in una struttura privata (un agriturismo) individuata in accordo con il Comune.

Per convincere i richiedenti asilo a scendere dai pullman, sul posto a trattare con il prefetto Salvatore Mulas e il questore Pasquale Errico anche il sindaco di Sassari Nicola Sanna. «Nell’agriturismo, una struttura a due piani, sono presenti nove bagni e in serata – è stato promesso ai migranti – verrà piazzata una cucina che verrà messa a disposizione, verranno portate delle tv e installate delle connessioni internet. Chissà che questo – ha aggiunto il portavoce – non li convinca ad accettare l’accoglienza che per ora rifiutano.

04 - Eraclea

Da Venezia Today

Cattura02

Nuovi profughi a Marghera destinati a Eraclea

Dall’Africa al residence, i profughi alloggiati a due passi dal mare.

Sono giunti in 300 tra lunedì notte e martedì mattina, poi smistati in strutture di tutte le province venete: 54 destinati al Veneziano, vanno a Eraclea. Zaia furioso: “Giù le mani dalle nostre zone turistiche”

05 - Eraclea

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...