Ambiente/Inquinamento

API. Il destino del mondo in un battito d’ali.

Dopo la pubblicazione di Primavera silenziosa  di Rachel Carson ci sono voluti dieci anni per bandire il DDT. Se le multinazionali hanno intenzione di rispondere mentre l’opinione pubblica si rivolta contro i loro insetticidi, ci sarà un sacco di tempo per farla diventare una certezza. Sempre che le api riescano resistere fino ad allora.

Ma le api non hanno multinazionali degli insetticidi a difenderle e quando saranno estinte il genere umano le seguirà in noi completamente .

Api da salvare

Da Dagospia.com di Silvia Bencivelli per “La Repubblica”

Cattura01

Moria delle Api

Solo adesso che la moria delle api è diventata un’ecatombe, USA e Francia si decidono a fare qualcosa per evitare il disastro “Economico”

Negli Stati Uniti l’impollinazione delle api aggiunge 15 miliardi $ di valore alle coltivazioni.

Mentre in Francia si annuncia la volontà di battersi per prolungare la moratoria europea sugli insetticidi neonicotenoidi, i più dannosi (moratoria decisa nel 2013 e in scadenza alla fine del 2015), negli Stati Uniti sul tema si continua ad andare molto leggeri. Troppo, dicono i francesi…

Superquark: Un’altra testimonianza qualificata sulla moria delle api. Le drammatiche ricadute sull’ambiente e sull’agricoltura.

Da una parte all’altra dell’oceano per salvare le api. Ha cominciato la Casa Bianca, che martedì ha svelato il proprio piano per la difesa degli insetti impollinatori. Il giorno dopo è stata la volta della Francia, con un analogo piano nazionale presentato dal ministro dell’Ecologia Ségolène Royal.

Da oggi si volta pagina, si legge nei due progetti. Ma prima che questi impegni venissero messi nero su bianco, la moria delle api ha dovuto diventare un’ecatombe e un disastro economico quasi globale.alveare-api-671009_tn

Il perché le api decidano un bel po’ dell’economia di un paese lo sanno anche i bambini: (ndr Ma non i politici, specialmente quelli Italiani che sembrano, al contrario essere sordi a tutti gli appelli per il rispetto dei territori) le api e altri insetti sono i principali promotori della riproduzione delle piante, insieme a uccelli, pipistrelli, al vento e a qualunque cosa sia in grado di trasportare il polline da un fiore all’altro.

Quindi il declino degli impollinatori diventa un problema per l’agricoltura. Ripercussioni che possono essere monetizzate: «L’impollinazione da parte delle soli api aggiunge circa 15 miliardi di dollari al valore delle nostre coltivazioni e aiuta ad assicurare alla nostra dieta un’ampia quantità di frutta e verdura», si legge oggi sul sito della Casa Bianca. Che prosegue: «L’anno scorso gli apicoltori hanno denunciato una perdita del 40 per cento delle colonie di api». Per gli insetti selvatici le cifre sono decisamente peggiori. Come per la farfalla monarca, che migra tra Messico e America del Nord e la cui presenza nelle foreste messicane è diminuita del 90 per cento in vent’anni.

In Francia la situazione delle colonie di api è di poco migliore e le perdite oscillano intorno al 30 per cento con picchi verso il 60. In termini economici si tratta di 1,5 miliardi di euro persi all’anno, a cui si deve aggiungere il calo nella produzione di miele, crollata dalle 32 mila tonnellate del 1995 alle diecimila del 2014.

Ma se le cause del problema sono simili al di qua e al di là dall’oceano, sulla scelta delle contromisure qualche differenza c’è. Le cause: in entrambi i casi, l’uso di insetticidi e la perdita degli habitat, la crescita dei predatori e la diffusione di virus. Le contromisure, invece, sono di due tipi. Tutti d’accordo, per esempio, sul ripristino delle zone di crescita degli insetti come i parchi e i giardini pubblici: in Francia, in particolare, si pensa a recuperare anche quei pezzetti di verde lungo le autostrade che saranno falciati di meno e lasciati fiorire più a lungo.

La differenza sta, invece, nella messa al bando degli insetticidi: gli americani sono molto prudenti, mentre la Royal si rivela più battagliera.
Mentre in Francia si annuncia la volontà di battersi per prolungare la moratoria europea sugli insetticidi neonicotenoidi, i più dannosi (moratoria decisa nel 2013 e in scadenza alla fine del 2015), negli Stati Uniti sul tema si continua ad andare molto leggeri.
Troppo, dicono i francesi. Solo ad aprile scorso, infatti, l’Agenzia per l’ambiente americana ha annunciato il divieto di messa in commercio di nuovi neonicotenoidi. E oggi la Casa Bianca scrive che del resto «gli insetticidi hanno un ruolo chiave nella produzione agricola e nella salute della nostra società».

Quasi come le api, ma con più interessi elettorali a difenderli.

Altri Articoli Correlati

Da Dagospia.com

Cattura01

 

Salvare le Api, solo ora che è la moria è diventata un’ecatombe

Da Vice.com di Mike Pearl

Cattura

Gli ambientalisti non avevano tutti i torti sulla moria delle api

Da Il Cambiamento di Rachele Malavasi

Cattura02

Negli ultimi giorni i media hanno passato la notizia che il grande mistero relativo alla moria di milioni di api, che dalla metà degli anni ’80 si abbatte sugli alveari del mondo occidentale, è stato risolto. Ma la cosa non ci convince, soprattutto quando dietro lo studio in questione si nasconde uno dei più grandi colossi farmaceutici. E infatti, vi sveliamo il retroscena.

Moria delle api: uno studio svela le cause, ma di mezzo c’è la Bayer

Da Blogeko

Cattura03

I girasoli “mutanti” e le api che muoiono. Scene da film horror nei campi. Video

Che avevamo riproposto nel nostro blog

I girasoli “mutanti” e le api che muoiono – Video

Da Accademia ambientale del Monferrato

Cattura04

API. Il destino del mondo in un battito d’ali.

Disperse, disorientate, morte a sciami interi. La situazione è ancora più grave per quanto concerne gli apoidei selvatici

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...