Progetti di Finanza e Grandi Opere/Strade e Ferrovie

TAV Vr-Pd: L’Incubatrice del debito pubblico

Porelli (il primo a sinistra nella foto) ha perfettamente ragione, nel dire quel che ha detto, e cioé che «sotto l’aspetto finanziario, come ha spiegato Poliandri, i costi previsti vanno moltiplicati per cinque, e ciò significa che andremo a creare ulteriore debito pubblico.

02 TAV VR PD

Da Veneto Vox di Erasmo Venosi del 20 aprile 2015

Cattura
Tav Vr-Pd: bravo Porelli, il coraggio della verità

L’amministratore di Aim Mobilità ha detto quel che scriviamo da sempre.

Porelli (il primo a sinistra nella foto) ha perfettamente ragione, nel dire quel che ha detto, e cioé che «sotto l’aspetto finanziario, come ha spiegato Poliandri, i costi previsti vanno moltiplicati per cinque, e ciò significa che andremo a creare ulteriore debito pubblico.

La Tav è una calamità non naturale, ma voluta da qualcuno: la Camera di commercio, che ha preso l’iniziativa, poi le categorie economiche, Provincia e Comune.

Sono vicentini che hanno studiato questo progetto per fare del male alla città». Ridicolo che quattro soggetti, che non mettono un euro possano sproloquiare sbandierando un grottesco e illegittimo studio di fattibilità che solo il sindaco di Vicenza, Achille Variati, con l’ex ministro Lupi o qualche ex consulente di Lupi poteva inventarsi.

Addirittura annullano la delibera del Cipe n° 94 del 2006 approvata da 14 ministri e firmata dal Presidente del Consiglio.

Fondando questo annullamento de facto con un atto denominato protocollo d’intesa che sul piano giuridico è carta straccia. Evidenzio che Lupi & C con gli incrementi di costo tra Brescia e Padova hanno concorso a creare un disavanzo 2014 pari a 49.056 milioni di euro. Chiaro?

Non hanno ancora capito, essendo molto asini, che la realizzazione è per lotti costruttivi. La volete? Allora mettete i quattrini attraverso forme come i project bond. Sapete perchè non li mettete? Perchè mai nessuna banca, pur combinando project bond, credito di imposta , concessione per 50 anni, nessuna banca mai vi darà un euro che sia uno.

Perchè i flussi di traffico non faranno mai rientrare dall’investimento. Praticamente la Tav Vr-Pd è un incubatore di debito pubblico. Con i fantomatici 800 mila persone del bacino di utenza.

Il ministro delle Infrastrutture visita il cantiere Mose
Dello Stesso autore: Tav Vr-Pd, la bugia dei finanziamenti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...