Ambiente/Inquinamento/Territorio

A Tezze sul Brenta la presentazione de “Il paese che brillò tra le luci del cromo”

Per questo inquinamento, sono stati condannati per omicidio colposo con sentenza definitiva di terzo grado i titolari dell’azienda e l’ex sindaco del paese, dipendente della stessa, ma grazie all’indulto e all’istanza di fallimento (presentata dai titolari a processo in corso) accolta dal tribunale di Bassano con celerità degna di miglior causa (presentata il 24 dicembre, vigilia di Natale e accolta il giorno stesso!), nessuno dei condannati sconterà un giorno di carcere.

02 Il Paese che brillo

Di Redazione Vicenza Più

A Tezze sul Brenta la presentazione de “Il paese che brillò tra le luci del cromo”

Per leggere l’articolo su Bassano Più – Cliccare qui

.

.

Laboratorio Natura – A cura del Comune di Tezze sul Brenta, Giovedì 19 marzo è stato presentato il libro “IL PAESE CHE BRILLO’ TRA LE LUCI DEL CROMO” di Elena Baù.

Il libro ha riacceso i fari su una vicenda che ha marchiato indelebilmente il nostro territorio. Segnaliamo, a favore della stampa, alcuni dei principali motivi di interesse giornalistico della vicenda:

  • Il caso della ex-Tricom/Galvanica PM rappresenta purtroppo il più grave caso di inquinamento da cromo esavalente d’Europa;
  • è stato valutato all’epoca più grave del ben più noto caso della Icmesa di Seveso, ma i media nazionali (salvo un lodevole servizio di Report) l’hanno pressochè ignorato;
  • i danni ambientali sono stati stimati in una cifra che va verso i 200 (duecento) milioni di euro;
  • la sola “bonifica” costerà ai cittadini veneti quasi 20 (venti) milioni di euro;
  • per bonifica si intende lo smantellamento del sito e la chiusura degli inquinanti in un sarcofago di calcestruzzo dello spessore di qualche metro (come a Chernobyl);
  • i morti tra gli ex dipendenti sono già oltre 20;
  • il cromo esavalente, potentissimo cancerogeno, ha inquinato all’epoca la zona di risorgive del medio Brenta, una delle più ricche al mondo, studiata per questo anche da Università estere;
  • per qualche tempo, date le ordinanze dei sindaci di chiusura dei pozzi artesiani, interi paesi sono stati riforniti di acqua potabile dai camion dell’esercito;
  • per questo inquinamento, sono stati condannati per omicidio colposo con sentenza definitiva di terzo grado i titolari dell’azienda e l’ex sindaco (per 25 anni) del paese, dipendente della stessa;
  • …ma grazie all’indulto e all’istanza di fallimento (presentata dai titolari a processo in corso) accolta dal tribunale di Bassano con celerità degna di miglior causa (presentata il 24 dicembre, vigilia di Natale e accolta il giorno stesso!), nessuno dei condannati sconterà un giorno di carcere. Soprattutto, nessuno sborserà un centesimo di risarcimento ai familiari delle vittime e agli Enti Locali per il disinquinamento, costo che resta tutto a carico dei cittadini veneti;
  • il caso Tricom ha riscosso l’interesse di Erin Brockowich (portata alla notorietà internazionale dall’omonimo film) protagonista di una vittoriosa class action per l’inquinamento da cromo di una azienda statunitense. La Brockowich aveva contattato all’epoca il dr. Sarto, autore di uno studio epidemiologico sui danni cromosomici da esposizione a cromo esavalente pubblicato dalle più importanti riviste scientifiche del mondo, e gli aveva proposto di recarsi negli Stati Uniti per far parte della sua squadra scientifico/legale: si può quindi ben dire che il caso Tricom è stato purtroppo per molti aspetti un “caso-pilota” a livello mondiale.04 Il Paese che brillo

Il libro, scritto in forma di romanzo/verità, opera prima di una autrice – Elena Baù – che farà molto parlare di sé, ha avuto il patrocinio di 11 amministrazioni comunali rivierasche: da Bassano del Grappa, Marostica, Carmignano di Brenta, Nove, Cassola, Pozzoleone, Cittadella, Rossano Veneto, Fontaniva, San Giorgio in Bosco, Grantorto.

Ma NON è un testo di sommaria denuncia: è un’opera molto più vasta e importante.

05 Il Paese che brilloE’ la testimonianza di un mondo che sta per scomparire – quello della campagna veneta – con le sue tradizioni, i suoi costumi, il suo sapere ancestrale, le sue arcaiche convinzioni, le sue suggestioni, i suoi protagonisti ancorati al ricordo a volte struggente di un tempo perduto per sempre, di stagioni regolate dal duro lavoro dei campi, di vite affidate alla clemenza degli elementi.06 Il Paese che brillo

Un mondo oramai scomparso, inghiottito da quello che è stato definito “il miracolo del nordest ” (di cui la Tricom è protagonista in negativo) dove alla stalla si è sostituito il capannone, alla campagna case con tutti i comfort e strade sempre più larghe per far circolare camion sempre più grandi, carichi di merci di tutti i tipi prodotto dell’intraprendenza delle nostre genti.

E’ un libro che fa pensare, che fa sorridere, che fa commuovere, che ci farà indignare.

Vicenza 23 09 09 Tezze S. B. Bonifiche ambientali alla ex IndustE’ un libro che parla di noi, della nostra storia recente, del sogno di una corsa senza freni verso una società in cui è possibile, grazie al lavoro, possedere quei beni di consumo nei quali qualcuno ci ha convinti si trovi la chiave della felicità…

Il libro si può trovare in tutte le librerie del triveneto e nei principali siti di vendita online.
Essendo l’editore Laboratorio Natura una Associazione Culturale no profit, gli eventuali utili dell’iniziativa saranno tutti reinvestiti in iniziative riguardanti questa vicenda.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...