Progetti di Finanza e Grandi Opere/Strade e Ferrovie

Pedemontana veneta, fra malattie e inquinamento

Pedemontana sì, Pedemontana no, il cantiere avanza e il tessuto territoriale della valle dell’Agno sta velocemente cambiando, per sempre.

02 Pedemontana Veneta tra malattie e inquinamento

Da Veneto Vox di Daniele Franco del 4 marzo 2015

Pedemontana veneta, fra malattie e inquinamento

Per leggere l’articolo sul sito Veneto Vox – Cliccare qui

È un altro passo del progresso che, con la sua mano pesante ma redditizia, da anni ormai disegna e ridisegna le nostre valli in efficaci schemi produttivi. Il motore d’Italia si concede un altro gioiello ancora da infilare nelle dita gonfie di ori.

«Da tempo segnaliamo evidenze nei nostri studi di medicina generale di un aumento anomalo di patologie tumorali, di malformazioni, di allergie, di aborti, di infertilità», sono le parole di un medico della Campania riportate da Saviano nel suo consueto “L’antitaliano” su l’Espresso. Il ministro Lorenzin attribuisce l’incremento di malattie allo “stile di vita” sbagliato della popolazione, mentre lo stesso ministro firma un decreto con cui vieta categoricamente qualsiasi attività agricola in 15 ettari di terreno della cosiddetta Terra dei Fuochi.

Insomma, in una regione che in vent’anni si è vista riversare e bruciare illegalmente nei propri campi dieci milioni di tonnellate di rifiuti, il collegamento tra inquinamento e malattia sembra sempre più diretto, così come il vuoto politico appare sempre più evidente. Profondo sud, diremmo noi cittadini del laborioso Nordest, aggrappati con fierezza alle ruggenti bandiere di San Marco, e puntiamo il dito dagli anelli luccicanti contro il meridione che rallenta e appesantisce.

Il 28 ottobre 2014, ore 17.45, si riunisce la “Commissione Parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati”, presieduta dal Deputato Bratti: in audizione c’è Daniele Zovi, Comandante regionale del Corpo forestale dello Stato con più di trent’anni anni di esperienza effettiva sul territorio veneto. Zovi fa un quadro generale della situazione regionale rifiuti portando in evidenza un tipo di illecito che interessa direttamente la nascita della nuova Pedemontana.

In genere, difatti, lo smaltimento delle sostanze pericolose avviene mescolando queste a terre o a residui di lavorazione delle cave, diluendo così la tossicità in maniera informe e incontrollabile. Si tratta di materiale buono soprattutto per i terrapieni impiegati nella viabilità, come evinto dal caso Valdastico Sud o a degli svincoli di Padova, area in cui si è riscontrata la presenza di tale terriccio inquinato. Zovi non nasconde una forte preoccupazione per quel che riguarda la Pedemontana.

04 Pedemontana Veneta tra malattie e inquinamento«La Pedemontana, infatti, prevede una movimentazione di milioni di metri cubi che passano, lambiscono, attraversano un territorio molto industrializzato, quindi per sua stessa natura produttore di rifiuti». Attenzione, non ci sta dicendo che la terra è inquinata, ma che ha enormi probabilità di esserlo, viste le esperienze precedenti e il tipo di territorio. Il problema è che non c’è un modo per provarlo dal momento in cui, anche se a livello normativo ci sono tutti i presupposti, a livello pratico mancano i sistemi di controllo, ossia non ci sono organi addetti al monitoraggio.

Insomma, come sintetizza la Senatrice Puppato, dove ci sono grandi opere che prevedono enormi movimentazioni di terra, questa si presta a essere mescolata e, pertanto, nociva. Inoltre, come spiega sempre Zovi, “la terra ha potere tampone per sua stessa natura, per come sono fatti la terra e il terreno. Non si ritrova più sotto quello che si sversa sulla terra, perché il sistema delle argille, il sistema fisico e fisico-chimico del terreno tampona il materiale buttato. Questo mescolare alla fine si risolve in un lento e inesorabile inquinamento delle falde sotterranee. Nel Veneto, siamo costretti ad andare sempre più giù per pompare e trovare l’acqua che finisce nei nostri acquedotti”.

E a parlare di acqua buona in Veneto c’è da essere cauti, soprattutto dopo la catastrofica “bomba ecologica” (frutto di uno studio dall’Arpav) per la quale si è cambiato parte del progetto Pedemontana poiché vi sarebbero ben 59 comuni tra Vicenza, Verona e Padova con falde acquifere inquinate da sostanze perfluoro-alchiliche – Pfas –, rilasciate da uno stabilimento industriale di Trissino.05 Pedemontana Veneta tra malattie e inquinamento

«Il Veneto è al primo posto in Italia per quanto riguarda l’incidenza di tumori», ammette l’ematologo Cordiano, specialmente ai reni e ai testicoli, fatto questo che rileva un diretto collegamento con l’inquinamento delle acque. Niente “stile di vita” sbagliato – per dirla con il ministro Lorenzin –, ma vera e propria correlazione di eventi.
Alla faccia di chi coltiva il proprio orticello per mangiare sano e a sua insaputa lo irriga di veleno.

Saviano, oltre a evidenziare un aumento di malattie legate all’inquinamento, denuncia lo spostamento di 9,7 milioni di euro dei 10 previsti per il pattugliamento della Terra dei Fuochi alla sorveglianza dell’Expo di Milano. Noi, con l’audizione di Zovi, evidenziamo il mancato controllo dei cantieri delle grandi opere (quali la Pedemontana) e, con la voce di Cordiano, rileviamo l’immensa incidenza di tumori nella nostra regione. Profondo è il sud come profondo è il nord, entrambi impantanati nel terriccio friabile e – è proprio il caso di dirlo – avvelenato d’un Italia che sprofonda.

L’homo faber del post boom economico, per il quale il fare corrisponde all’essere e per il quale la riflessione, implicando un rinvio dell’azione, viene tacciata di anti-progressismo, manda avanti il suo cantiere: questa Pedemontana s’ha da fare proprio a tutti i costi.

Zovi, riferendosi al futuro del Corpo della Forestale, apre la sua audizione con un tagliente morituri te salutant. Speriamo non sia il profetico saluta di un’intera generazione.

E già, visto che il Fiorentino che non deve chiedere mai, il Pinocchio nel paese dei balocchi ha deciso, tutto da solo, che il Corpo Forestale dello Stato verrà inglobato con le forze di polizia e così scomparirà quello che serve per lasciarci con decine di partecipate composte dai soli consigli di amministrazione strapagati, e centinaia in perdita perenne.

03 Pedemontana Veneta tra malattie e inquinamento

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...