Informazione/Politichese e dintorni

Succede in Italia…

È un delirio di onnipotenza da parte di chi vuole comandare senza rendere conto a nessuno. Il governo, la maggioranza che lo sostiene e chi controlla i mezzi di informazione lo sanno bene ma tacciono, falsificano le notizie e continuano nella distruzione dello Stato.

Possiamo ancora restare spettatori di questa progressiva deriva autoritaria?

Succede in Italia…

Da Bassano Più: di Giorgio Langella del 23 febbraio 2015

Per leggere l’articolo sul sito di Bassano Più – Cliccare qui

La situazione disastrosa nella quale versa la politica italiana è ben descritta da alcuni fatti successi in questi ultimi giorni.

Michele Ferrero

Michele Ferrero

Matteo Renzi, durante i funerali dell’industriale Michele Ferrero ad Alba, ha ascoltato contrito le parole pronunciate da Giovanni Ferrero: “Per mio padre l’aspetto sociale è sempre venuto prima del profitto. Delocalizzare, razionalizzare, cassa integrazione non sono mai state pronunciate non per strategia nella contrapposizione sindacale: il patto tra le due forze ha reso quei termini per noi inconcepibili”.

I giornali parlano di “capitalismo dal volto umano” ma è solo quanto scritto nella nostra Costituzione. Dovrebbe, quindi, essere la normalità ma così non è.

Gasatissimo

Gasatissimo

Nella stessa giornata, sempre Renzi, ha fatto visita alla FCA (ex Fiat) e si è dichiarato “gasatissimo” per i progetti di Marchionne. Un capitalista vorace che sposta la direzione operativa all’estero. Che, per pagare meno tasse, trasferisce la direzione amministrativa a Londra, che chiude le fabbriche in Italia e sfrutta i lavoratori in Serbia e negli altri paesi dove ha delocalizzato il lavoro. Marchionne è paladino di un capitalismo arrogante e spietato. Evidentemente Renzi e il PD hanno scelto quale imprenditoria garantisce loro maggiori convenienze politiche ed economiche.

Napolitano Gheddafi

Napolitano Gheddafi

Giorgio Napolitano il “presidente emerito”, oggi senatore a vita, è intervenuto in Senato sulla situazione in Libia e ha dichiarato: “l’Italia non si tiri indietro, faccia come nel 2011” (cioè partecipi alla guerra). Non una parola su quella azione dissennata, su una politica estera fatta di prevaricazione, neo-colonialismo e imperialismo. Napolitano è diabolico nel perseverare nell’errore (che, a questo punto, non è più un errore ma una precisa scelta di campo) e si conferma come il peggior presidente della storia repubblicana.

Sull’onda della paura dell’ISIS e la situazione creata in Libia (soprattutto come conseguenza della guerra del 2011) il governo ha confermato l’acquisto di 90 cacciabombardieri F35.

Novanta F35

Novanta F35

Una notizia, questa dello sperpero di miliardi di euro per un riarmo che serve ad arricchire i signori della guerra, che i grandi mezzi di informazione tendono a nascondere e a minimizzare.

Alla camera è passata una “riforma” che stravolge la costituzione con 308 voti a favore (di questi, quasi 130 sono di eletti – si fa per dire – grazie a un premio di maggioranza dichiarato incostituzionale). È stata approvata di notte, quasi di nascosto (come fanno, generalmente, i ladri), in assenza di qualsiasi opposizione. Ma quale democrazia degna di questo nome può sopportare azioni così arroganti e autoritarie?

Ilva

Ilva

Sui decreti “Ilva” e “milleproroghe” il governo ha posto l’ennesima fiducia. Sono quasi 35 le fiducie richieste e ottenute in un anno. Questo è un modo di governare assolutamente poco democratico, con un parlamento ridotto a un insieme di personaggi che votano quello che decide il capo senza discutere. Le tante fiducie chieste sono un record che dimostra come, per Renzi e il suo governo, il parlamento conti meno di niente. La chiamano modernità, ma è solo un vecchio e logoro decisionismo autoritario.

Renzi ha “twittato”: “Il #JobsAct rottama i cococo cocopro vari e scrosta le rendite di posizione dei soliti noti #”. Ma le “rendite di posizione” sono i diritti del lavoro sanciti dalla Costituzione. I vari esponenti del governo (a partire da quel ministro Poletti del quale è bene ricordare la “vicinanza” con gli indagati dello scandalo “Mafia capitale”), appoggiati da una informazione compiacente, hanno affermato entusiasti che l’articolo 18 è rottamato e non esiste più; che (e mentono) il precariato è finito; che (e mentono) esisterà solo il contratto a tempo indeterminato.

Schiavismo Moderno

Schiavismo Moderno

Esultano. Ma adesso si potrà licenziare senza giusta causa e senza reintegro. L’indeterminatezza del tempo di lavoro diventerà, quindi, il fatto che non si saprà quando si verrà licenziati. Si dovrà lavorare senza sicurezze, sotto continuo ricatto, senza garanzie di alcun genere. Ce ne dobbiamo rendere conto, con il “jobs act” viene stabilito per legge che il lavoro è solo una merce che ha un prezzo stabilito da “tutele crescenti” e da altrettanto crescenti forme di insicurezza. Con il “jobs act” si invertono i principi costituzionali. Il lavoro non è più il primo diritto e la Repubblica non ha più il dovere di garantirlo ai cittadini.

Costituzione Rubata

Costituzione Rubata

Tutti questi esempi ci confermano che è la Costituzione a essere rottamata. Diritti costituzionali e regole democratiche vengono cancellate da personaggi che mai hanno lavorato veramente e, quando lo hanno fatto, occupavano posizioni di privilegio.

È un delirio di onnipotenza da parte di chi vuole comandare senza rendere conto a nessuno. Il governo, la maggioranza che lo sostiene e chi controlla i mezzi di informazione lo sanno bene ma tacciono, falsificano le notizie e continuano nella distruzione dello Stato.

Possiamo ancora restare spettatori di questa progressiva deriva autoritaria?

02 Deliri da onnipotenza

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...