Ambiente/Inquinamento

Dl del governo salva l’Ilva: responsabilità civile esclusa, no risarcimento a cittadini

La società non dovrà pagare i 30 miliardi di euro richiesti dalle centinaia di parti civili ammesse nel processo. Bonelli: “È la morte del diritto e della democrazia. Negare i risarcimenti ai parenti delle vittime e tutte le altre parti civili significa condannarli ancora a morte”

Tromba d'aria su Taranto centra l'Ilva

Il potere dei soldi, nulla si può quando di mezzo ci sono i soldi, questo novello Dio a cui molti aspirano e tutti rispettano, i politici e la politica soprattutto.

In nome e per conto del Dio Denaro si approva, si sottoscrive e si ratifica una legge che di fatto assolve chi, inquinando aria, terra e mare, provoca danni a cose e persone e malattie, che come ampiamente provato, conducono alla morte, ma nessuno ne è responsabile.

Sei morto di cancro perché respiravi gli effluvi che fuoriescono dai miei camini? Porta pazienza, ma io faccio lavorare oltre 200 persone, devo contribuire alla “crescita” (dei miei conti all’estero), la mia ditta è strategica per la nazione (salvo poi svenderla a qualche ditta estera) per cui tu muori io mi arricchisco ed i tuoi parenti non possono reclamare nulla, perché la sinistra Italiana, quella che difendeva i diritti degli operai, la sinistra partigiana, la sinistra “Bella Ciao” a deciso di fare il salto della quaglia, adesso difende i “Ricchi” dall’ostruzionismo e dall’ignoranza dei poveri, però nel ristorante del Parlamento si guardano bene dal servire le cozze o il latte Tarantino!

Bella Ciao? Si …. Ma solo Ciao ai nostri diritti, alla nostra salute, alla nostra vita!

E naturalmente sui TG nazionali la notizia viene data sottovoce, quasi abbiano paura di svegliare qualcuno, magari il popolo arrabbiato.

Taranto manifestazione per Ilva

Da Il Fatto Quotidiano di Francesco Casula del 4 febbraio 2015

Dl del governo salva l’Ilva: responsabilità civile esclusa, no risarcimento a cittadini

Cattura02

Per leggere l’articolo sul sito de Il Fatto Quotidiano – Cliccare qui

Il decreto Renzi salva l’Ilva anche dal pagamento dei risarcimento. È la notizia emersa nel corso dell’udienza preliminare dinanzi al giudice Vilma Gilli che accogliendo l’istanza dei legali dell’azienda ha escluso l’Ilva dai responsabili civili del processo nato dall’inchiesta denominata “Ambiente svenduto”.

Ilva

Ilva

Alla base della decisione del gup, infatti, c’è la norma voluta dal Governo che ha traghettato lo stabilimento siderurgico di Taranto in amministrazione straordinaria, consentendo così ai legali dell’amministratore straordinario Pietro Gnudi di chiedere l’estromissione dell’Ilva dal processo.

Stessa sorte anche per Riva Fire – cassaforte della famiglia lombarda e per Riva Forni elettrici. Il motivo?

Queste ultime due non erano costituite come parti (quindi non formalmente coinvolte) nell’incidente probatorio svolto tra febbraio e marzo 2012. Gli avvocati dell’Ilva, a cui si era associato il legale delle altre due società, hanno chiesto l’applicazione delle regole del decreto Marzano con l’eventuale presentazione delle richieste risarcitorie nel calderone dei contenziosi al cospetto del Tribunale fallimentare di Milano.

In caso di condanna nel processo penale, quindi, l’azienda che in questi anni ha consentito alla famiglia Riva di accumulare tesori da portare all’estero non dovrà risarcire nessuna delle parti tanti civili.

Parenti di operai morti, allevatori a cui sono state abbattute greggi di pecore, miticoltori che hanno visto distruggere tonnellate di cozze avvelenate dalla grande industria, abitanti del quartiere Tamburi e gli stessi operai della fabbrica non riceveranno dall’Ilva neppure un centesimo.

Ultima Regola del Governo .... Nessuna Responsabilità

Ultima Regola del Governo …. Nessuna Responsabilità (Da Huffington.it di Cinzia Ficco)

Non solo. Anche alle istituzioni come il ministero per l’Ambiente, la Regione Puglia, la Provincia e il Comune di Taranto, oltre che di tanti piccoli comuni a due passi dalle ciminiere, l’azienda non dovrà pagare nulla per il disastro ambientale compiuto nei decenni scorsi.

Era di poco superiore ai 30 miliardi di euro la richiesta formulata dalle centinaia di parti civili ammesse nel processo tra le quali anche il partito dei Verdi, delle associazioni ambientaliste Legambiente, Altamarea, Peacelink e Wwf, i sindacati, Cittadinanza Attiva e Confagricoltura.

“È la morte del diritto e della democrazia, ha tuonato Angelo Bonelli, coportavoce nazionale dei Verdi.

È una vergogna: la città e i suoi cittadini sono massacrati per l’ennesima volta. Negare i risarcimenti ai parenti delle vittime e tutte le altre parti civili significa condannarli ancora a morte.

Inoltre, ha aggiunto Bonelli, questa norma consente alle aziende che hanno realizzato enormi profitti sulla salute di operai e cittadini di poter conservare i propri tesori nei conti correnti bancari.

È stato distrutto il principio chi inquina paga e la beffa maggiore è che questo è avvenuto grazie a un provvedimento dello Stato italiano”.

In conclusione Bonelli ha annunciato un’immediata denuncia al tribunale dei diritti dell’uomo a Strasburgo.

04 - Ilva non paga

DECRETO-LEGGE 3 dicembre 2012, n. 207, convertito in legge 24 dicembre 2012, n. 231

Dl n.231 – Salva Ilva

ARTICOLI CORRELATI

Cattura02

Da Il Fatto Quotidiano di Bruno Tinti del 7 gennaio 2015

Decreto Salva-Ilva: un salvacondotto incostituzionale

Cattura02

Da Il Fatto Quotidiano di Alessandro Marescotti del 11 gennaio 2014

Emergenza diossina a Taranto: ieri le cozze, oggi il latte

Cattura01

Da Huffington.it di Vittorio Cogliati Dezza del 24 gennaio 2015

Ilva, una storia di straordinaria inconcludenza

Cattura01

Da Huffington.it di Cinzia Ficco del 14 gennaio 2015

Ilva, i venditori di fumo

Cattura03

Da Informare per resistere del 25 marzo 2013

Legge salva Ilva, una storia a rovescio.

Cattura00

Da Peacelink di Lidia Giannotti del 7 gennaio 2014

Le curiose regole dei provvedimenti Salva – Ilva

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...