Ambiente/Petrolio e Gas in Italia

Sblocca Italia, il Veneto fa ricorso: “No alle trivellazioni in Alto Adriatico”

Per una volta siamo d’accordo con il presidente Zaia, dell’argomento ne avevamo già parlato, con specifico riferimento al dare/avere in caso di incidenti, incidenti che nonostante i petrolieri dicano di ottemperare a tutte le normative di sicurezza, continuano a ripetersi con le conseguenze che sono sotto gli occhi di tutto il mondo.

02 - Trivelle a Venezia

Qui non si tratterebbe di raccogliere un paraurti e quattro pezzi di lamiera da una strada, se dovesse accadere quello che è successo nel Golfo del Messico si perderebbero decine di migliaia di posti di lavoro, tutto l’indotto dovuto al turismo andrebbe a farsi benedire, cosa dire poi di una Venezia ricoperta dal petrolio, pensate veramente che il Mose fermerebbe la marea oleosa?

Ci auguriamo solamente che non sia solo fumo negli occhi in vista delle prossime regionali, ma che sia lì effettivo volere di una regione che così tanto ha già pagato in termini di territorio ad una crescita che con questi metodi non arriverà mai.

OIL'S DRILLING WORKS OF REPSOL OFF CANARY ISLANDS

Sblocca Italia, il Veneto fa ricorso: “No alle trivellazioni in Alto Adriatico”

Da Il Fatto Quotidiano del 15 gennaio 2015

La Regione ha impugnato la legge davanti alla Corte Costituzionale. Zaia: “Da quelle disposizioni irrilevanti benefici economici e sociali ed elevati pericoli ambientali. A rischio aree di pregio naturalistico e attività legate al turismo e alla pesca”. Il tutto per “estrarre idrocarburi di dubbia qualità”

La Regione Veneto ha impugnato davanti alla Corte Costituzionale le norme del decreto Sblocca Italia che consentono le trivellazioni in Alto Adriatico. Ad annunciarlo è il presidente Luca Zaia, secondo cui “queste disposizioni nazionali, calpestando tutte le competenze regionali in materia di governo del territorio, turismo, protezione civile, salute, produrranno irrilevanti benefici economici e sociali ed elevati pericoli ambientali per il territorio italiano, già caratterizzato da rilevanti rischi geologici e ambientali”. “Si favorisce così una nuova e irragionevole colonizzazione del territorio e del mare italiano da parte dell’industria petrolifera”, aggiunge Zaia, “mettendo a rischio aree di pregio naturalistico e paesaggistico e fiorenti attività economiche legate al turismo e alla pesca, con lo scopo di estrarre idrocarburi di dubbia qualità che agli attuali tassi di consumo, valutate le riserve certe a terra e a mare censite dal ministero dello Sviluppo economico, potrebbero coprire il fabbisogno nazionale per un periodo non superiore a un anno”.

Cancellando i divieti normativi attualmente in vigore in queste zone, con il decreto si legittimano soprattutto le trivellazioni nella fascia dell’Adriatico davanti al Veneto e a Venezia. “E questo – sostiene il governatore – senza che sia mai stata accertata l’assenza di rischio di subsidenza (abbassamento, ndr) delle coste. Anzi è accertato il contrario: la Regione del Veneto ha stanziato risorse per fronteggiare il fenomeno dell’abbassamento dei terreni in Polesine. Legittimare le trivellazioni nell’Adriatico in zone sensibili come Venezia è pura follia!”.

“Queste norme dello Sblocca Italia – conclude Zaia – violano non solo tutte le competenze della Regione ma non porteranno un centesimo ai veneti, perché le risorse andranno tutte solo e unicamente “a vantaggio dello Stato”. Sono disattesi anche principi comunitari, come quello di precauzione, attraverso la legittimazione di attività economiche in assenza di una certezza scientifica e di prove sufficienti a dimostrare che non c’è un nesso causale tra l’esercizio delle attività e gli effetti nocivi sull’ambiente e sul territorio. Altra norma assurda è quella sugli inceneritori, anch’essa impugnata dal Veneto. Spoglia le Regioni di tutte le competenze urbanistiche e ambientali e, irragionevolmente, favorisce gli inceneritori a discapito del riciclo e della riduzione della produzione di rifiuti, come richiesto dalle direttive comunitarie”.

03 - Trivelle a Venezia

Per leggere l’articolo sul sito de Il Fatto Quotidiano – Cliccare qui

Articoli Correlati:

Salento, gli americani vogliono trivellare per trovare petrolio. Con Sblocca Italia si può.

Il Bel Paese delle trivelle.

Le associazioni storiche dell’ambientalismo accusano il governo. “Inceneritori e trivelle: via libera a un mare di scempi.

Annunci

One thought on “Sblocca Italia, il Veneto fa ricorso: “No alle trivellazioni in Alto Adriatico”

  1. Pingback: Emergenza Adriatico – Pochi giorni per fermare le trivelle croate. | No gassificatore di rifiuti pericolosi e non a Cassola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...