Politichese e dintorni

Vitalizi regionali, ex consiglieri scrivono a Napolitano: ‘Non tagliare diritti acquisiti’

La conferenza nazionale dei presidenti ha deciso di alzare a 65 anni l’età di accesso all’assegno. E parte la rivolta dei 3.200 “ex”, pronti a portare la questione fino alla Corte costituzionale

03

La classe politica più indagata d’Italia si ribella quando la “Spending Review” arriva all’altezza delle loro tasche, e mentre con una mano spendono e spandono, in accessori sessuali, mutande verdi, trattamenti di bellezza, scarpe, mobili, pneumatici, discoteche, scacciacani, rolex, tinture per capelli, cialde per il caffè, munizioni, e anche delle pecore, si proprio pecore quelle per la lana, che sono notoriamente indispensabili al buon funzionamento di qualsiasi consiglio regionale con l’altra mano firmano una lettera indirizzata al presidente della Repubblica.

Bene questi stessi personaggi hanno scritto, tra le lacrime, affinchè “LUI” provvedesse a non mettere in atto questa minacciosa possibilità, perché i “DIRITTI” acquisiti di “LORSIGNORI” sono intoccabili, mentre i cittadini sono solo carne da macello e mucche da mungere, le pecore da tosare se le sono già comprate, ma con i nostri soldi.

02

Da Il Fatto Quotidiano del 17 novembre 2014

In quattro Regioni arriva una stretta sui vitalizi. E i 3.200 ex consiglieri, colpiti nel portafoglio, annunciano a stretto giro una valanga di ricorsi. Informandone con una lettera anche il Quirinale. Il nuovo capitolo dell’autodifesa della “casta”, raccontato da Il Messaggero, nasce dalla sforbiciata decisa il 10 ottobre dalla conferenza nazionale dei presidenti dei consigli regionali. Che hanno deciso l’innalzamento da 50 a 65 anni (o 60 ma con una forte penalità) dell’età necessaria per avere accesso all’assegno di fine mandato e una mini-tassa di alcune centinaia di euro, tipo contributo di solidarietà, su quelli già erogati. Il tutto per mettere un freno ad uscite ormai esorbitanti: in Lazio, la regione del caso Fiorito, la spesa era arrivata a 20 milioni di euro. In pratica un terzo del costo complessivo del consiglio. E più di quanto pagato ai consiglieri in carica.

Di qui la stretta, che il Lazio stesso, la Lombardia, il Molise e il Trentino hanno già tradotto in legge, mentre Campania, Piemonte e Toscana si stanno muovendo per arrivarci in tempi brevi. Nel caso della Regione guidata da Nicola Zingaretti all’aumento dei requisiti si aggiunge anche un taglio fino al 40% per chi percepisce anche vitalizi da parlamentare italiano o europeo.

Ma gli ex consiglieri, appunto, non ci stanno. E la loro associazione si è mossa scrivendo a Giorgio Napolitano e minacciando di portare la questione fino alla Corte costituzionale per veder riconosciuto l’intoccabile “diritto acquisito“.

Mungitura_mucca

Per leggere l’articolo sul sito de Il Fatto Quotidiano – Cliccare qui

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...