Politichese e dintorni

Siamo in piena emergenza democratica e, la situazione peggiora di giorno in giorno.

Il silenzio della Boschi su Verdini, le parole di Napolitano sullo “strumento militare”

Torino, Giorgio Napolitano partecipa alle celebrazioni per i 150 anni dell'Esercito

Imbarazzante l’atteggiamento della Boschi che non risponde a una precisa domanda dei giornalisti sull’imputato Verdini (“ma allora con Verdini ci parlate ancora oppure no”) e, con il solito sorriso di circostanza e la nota arroganza, scappa “per non perdere un aereo” attorniata da suoi “collaboratori”.

Da Bassano Più di Giorgio Langella del 06 novembre 2014

Ma ancor più gravi le parole pronunciate da Napolitano ieri in occasione della “giornata delle forze armate.

”Vi è il rischio che, sotto la spinta esterna dell’estremismo e quella interna dell’antagonismo, e sull’onda di contrapposizioni ideologiche pure così datate e insostenibili, prendano corpo nelle nostre società rotture e violenze di intensità forse mai vista prima”.

A leggere poi altre dichiarazioni del presidente della repubblica sulle forze armate ci si dovrebbe ulteriormente preoccupare. Napolitano, infatti, pensa che “da parte di ogni paese Nato si debba esser seri nel prendere decisioni, che non possono mai avallare visioni ingenue, non realistiche, di perdita di importanza dello strumento militare“.

E continua con affermazioni del tipo: “si vanno affermando nuove e aggressive forme di estremismo e di fanatismo che rischiano di “insediarsi” in Italia infiltrandone progressivamente la società: questa è una minaccia reale, anche militare che le nostre forze armate devono essere pronte a contrastare e prima di tutto a prevenire, insieme all’Unione europea e alla Nato”

Questi personaggi si stanno preparando a nuove guerre esterne come quelle disastrose già viste? A utilizzare l’esercito per la repressione del conflitto sociale che hanno creato con le loro politiche liberiste?

E faranno tutto in maniera preventiva? Con la scusa della lotta al terrorismo creeranno il caos. Le manganellate di questi giorni, l’uso delle “forze dell’ordine” contro i lavoratori e per sedare la protesta, quindi, non è qualcosa di estemporaneo.

È un programma ben preciso che prevede di soffocare l’opposizione politica e sociale con le buone e con le cattive.  È una nuova versione della solita, vecchia, strategia della tensione.

Altro che sinistra o centro-sinistra. Non c’è neppure un timido pallore. I riferimenti storici del governo Renzi sono definitivamente Scelba e Tambroni. E Giorgio Napolitano si rivela per quello che è diventato: un pessimo presidente della repubblica. Forse il peggiore che l’Italia abbia mai avuto.

Siamo in piena emergenza democratica e, la situazione peggiora di giorno in giorno.

03 Repressione

Per leggere l’articolo sul sito di Bassano Più – Cliccare qui

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...