Politichese e dintorni

Senato boccia O.d.G. M5S per limite indennità a eletti e stop vitalizi agli arrestati

Palazzo Madama ha dato il via libera al rendiconto delle spese per il 2013. Ha respinto però gli ordini del giorno che prevedevano di limitare ad un massimo 5mila euro lordi gli stipendi (e 3500 lordi le diarie). Polemiche anche sugli assegni per i parlamentari condannati

Solo ieri ci si chiedeva se i nostri politici potevano bocciare questo emendamento, dettato dal buon senso e dal continuo proliferare di leggi, leggine, regolamenti e deroghe con cui i politici stessi mettevano in salvo le loro ricche e sontuose remunerazioni a scapito delle nostre.

Ebbene la risposta è davanti ai vostri occhi, c’è ancora qualcuno che giustifica la loro esistenza con motivazioni quali salvare il paese e per il bene degli italiani?  Le ultimissime notizie sulla reintroduzione del falso in bilancio e le regole della Boschi e Ghedini, scritte sembrerebbe sotto dettatura di qualche condannato per reati fiscali, sull’autoriciclaggio, sembrano darci la conferma.

Vitalizi - 02

 

Dal sito de il Fatto Quotidiano del 24 settembre 2014

Il Senato approva il rendiconto delle spese per l’anno finanziario 2013, ma boccia il taglio delle indennità e dei vitalizi ai condannati.

I due provvedimenti erano previsti in due ordini del giorno presentati dal Movimento 5 stelle.
Il Senato ha respinto la proposta dei 5 stelle di tagliare l’indennità dei senatori ad un massimo di 5 mila euro lordi e delle diarie ad un massimo di 3.500 euro lordi. “La crisi avanza, il paese affonda e la casta? Se ne frega” commentano i grillini con una nota.

Solo ieri i senatori del Nuovo centrodestra avevano presentato un odg (poi ritirato) in cui si chiedeva “in via eccezionale” di garantire il vitalizio “anche in caso di scioglimento anticipato delle Camere”.

Polemiche anche per la bocciatura dell’ordine del giorno che prevedeva la sospensione delle indennità per tutti i senatori soggetti agli arresti.

Non è inoltre stato messo ai voti l’ordine del giorno, sempre del M5s, che impegna il Governo a revocare il vitalizio per i senatori condannati. “Doppietta della Casta al Senato” commenta su Facebook Vito Crimi segnalando che la motivazione del rifiuto è legata al fatto che esiste una proposta simile depositata al consiglio di presidenza del Senato. “Nel giorno in cui il presidente Pietro Grasso (la mattina) si dichiara a parole contrario ai vitalizi ai mafiosi, (la sera) salva nei fatti il vitalizio a Berlusconi e a Dell’Utri.

Grazie, Presidente.

La preclusione è una vergogna. La solita presa per i fondelli: quando si arriva al dunque, quando è il momento di prendere una decisione nel rispetto dell’Istituzione e dei cittadini tutti fanno di tutto per non votare, e rinviare” commenta Crimi.

Vitalizi - 03

Per leggere l’articolo sul sito de Il Fatto Quotidiano – Cliccare qui

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...