Comune di Cassola

L’interrogazione e la documentazione che non c’è ma forse arriverà! – Parte 1

Ormai questa, più che una faccenda da trattare in consiglio Comunale, sembra sia diventata una soap opera in cui l’interprete principale, non apparendo nelle scene principali, per non essere dimenticato dai suoi fan si lascia andare a dichiarazioni ed esternazioni varie in altri lidi.

img_20140719_160341-1

Comunque sia, non è un nostro problema o una nostra scelta, e pur non condividendola, non possiamo far altro che prenderne atto.

Più volte è stato dichiarato (anche in consiglio Comunale) che ci sarebbe stata un’opposizione responsabile, civile e seria, per poi auto-smentirsi o essere smentiti da messaggi insultanti, offensivi e provocatori che sono l’esatto opposto di coerenza, educazione e stile …….

Ci si chiede, ma sono tutti d’accordo su questo modo di interpretare l’opposizione costruttiva?

La linea dura …. anzi durissima, le interviste infarcite di illazioni, offese, insulti, provocazioni (peraltro mai raccolte) per non parlare degli spot in televisione non fanno altro se non confermare l’idea che i più a Cassola si erano fatti, un’idea che ha preso forma con i risultati delle ultime amministrative.

Ma andiamo oltre e passiamo all’interrogazione a firma dell’intero gruppo di minoranza, che non doveva essere discussa se non i presenza degli ex.

Risposta alla interrogazione presentata dai consigliere Pasinato Antonio e altri del gruppo consiliare “Silvia per te – Cassola per il futuro” sulle affermazioni del Vicesindaco e Assessore ai Lavori pubblici al termine della seduta del 23 luglio 2014 (prot. 8339 del 06.08.2014)

Questa l’interrogazione

“Con la presente interrogazione si fa riferimento alle recenti comunicazioni date dagli assessori comunali al termine dello scorso consiglio comunale del 23 luglio.
Con riguardo alle affermazioni effettuate dal vicesindaco assessore ai lavori pubblici, chiediamo di conoscere le motivazioni per cui ha palesemente dato informazioni non vere e inventate, descrivendo una situazione dei lavori pubblici in modo fuorviante e non corretto, oltrechè con una capacità di linguaggio molto, ma molto, confusionaria e povera.

……… con una capacità di linguaggio …… Ecco, queste sono alcune delle esternazioni politiche che sarebbe stato educato non fare, sarebbe interessante e istruttivo, molto istruttivo, farvi leggere alcuni estratti da certi verbali di alcuni consigli comunali, a voi poi il commento, pagliuzza e trave, signori e signore,  pagliuzza e trave.

 Ci si riferisce in particolare a:

Quanto affermato circa la rotonda di via Roma via de Gasperi, secondo cui la precedente amministrazione avrebbe raggirato i residenti presentando una situazione in cui la rotonda non è mai stata realmente ipotizzata. Questa affermazione è falsa: vero è che è stato approvato dalla precedente amministrazione un primo allargamento dell’incrocio con realizzazione di semaforo a chiamata.

Nessuno lo hai mai detto, al contrario, quando si va sostenendo è che la rotonda è sempre stata solo un’ipotesi, un pensiero, un qualche cosa che sarebbe stato fatto solo se le condizioni lo avessero permesso, peccato che mai è stato chiesto il parere a chi di competenza e che, secondo una vostra delibera, adesso per fare la rotonda si dovranno demolire altri edifici!

L’allargamento (in corso di realizzazione) è funzionale alla realizzazione della rotonda e lo stesso semaforo (solo per pedoni e solo al lato sud) è stato concordato con i tecnici di VI-abilità per consentire agli utenti deboli l’attraversamento in sicurezza, visto il flusso di veicoli consistenti in via Grande.

Ripetesi: il tutto impostato, funzionale e preordinato alla realizzazione della rotonda.

Quanto affermato circa la pista ciclabile di via Bressan, in riferimento al progetto e ai soldi inseriti in bilancio: la precedente amministrazione ha predisposto ed approvato il progetto della strada, a firma ing. Baldon. Il finanziamento, inserito in bilancio già da qualche anno, ha subito un ridimensionamento vista la convenzione con Etra per la sistemazione della strada (lavori di realizzazione della fognatura e allargamento della strada), che ha, pertanto, consentito di ridurre la spesa per la realizzazione della ciclabile.

Quanto effettuato fino a maggio 2014 è stato tutto funzionale alla realizzazione della pista ciclabile, la quale può a breve essere realizzata con una spesa ridimensionata rispetto al precedente finanziamento.

Quanto affermato circa i lavori da eseguire nel piazzale delle scuole elementari di San Giuseppe, relativamente alle piante da sostituire. Questi lavori sono stati presentati dall’assessore come un’emergenza a cui nessuno ha mai dato risposte, fino al suo arrivo come salvatrice dei lavori pubblici.

Vero è invece che i lavori di rimozione delle piante sono già stati decisi, programmati e finanziati dalla precedete amministrazione, consentendo agli uffici di partire con i lavori a giugno 2014 al termine dell’anno scolastico 2013/2014.

Peraltro, si era già provveduto a consultare in modo formale gli organi scolastici al fine di un loro parere circa la rimozione delle piante, come da comunicazioni intervenute fra le parti e come da riunione del Consiglio di Istituto del 22.01.2014. In forza di tali impegni, i lavori avrebbero dovuto essere realizzati a giugno 2014 e tutto era pronto affinchè gli uffici procedessero in tal modo.

Si chiede, pertanto, al Sindaco di spiegare come faccia un assessore a misconoscere e a nascondere ai membri del Consiglio Comunale e alla comunità di Cassola le informazione vere e la realtà dei fatti.

Si chiede di sapere come mai i lavori di cui sopra non vengono attuati con urgenza o non si provveda a completarne l’iter di definizione.
Forse per avere il pretesto di mettere in cattiva luce la precedente amministrazione e per dare i meriti alla attuale? O per incapacità operative dell’attuale assessore ai lavori pubblici?

Forse perchè l’attuale assessore, non sapendo da dove partire, da dove iniziare, sta perdendo tempo, fermando le procedure anche di altri lavori, per poi dire che nulla era a posto, nulla era in ordine.

Si consegneranno in Consiglio Comunale gli atti amministrativi della precedente amministrazione che dimostrano quanto affermato.

Siamo proprio curiosi di vederle queste carte, che peraltro potevano essere tranquillamente consegnate a chi era presente in consiglio, o forse si credeva che le persone presenti non fossero in grado di parlare? Quanta fiducia si ripone nei collaboratori e compagni di lista?

A questo punto, terminata la lettura dell’interrogazione prende la parola il capogrupo di minoranza, la persona cioè accreditata a parlare per tutto il gruppo di minoranza, fatto salvo quando un consigliere non lo mette bene al corrente e non gli consegna la documentazione promessa, inviandolo, di fatto, nella fossa dei leoni senza neanche uno scudino (piccolo scudo) a difesa delle dichiarazioni di chi non c’è!

Consigliere Manocchi:

allora, Sindaco io ho una proposta da fare. Mi è stato chiesto, da parte dei Consiglieri Pasinato, di poter rinviare i due punti, quindi la 9 e la l0, perché hanno piacere di essere presenti direttamente loro per dare la risposta, anche perché la n. l0 è a firma dei Consiglieri Pasinato, quindi di fatto sono loro che 1 ‘han presentata.
E, quindi, visto che per diversi motivi non possono essere presenti questa sera, visto che è stato detto comunque nell’interrogazione che c’era la volontà di portare anche tutta la documentazione necessaria per dare una risposta chiarificatrice, soprattutto per quanto riguarda l’interrogazione di cui al punto 9 all’ordine del giorno, chiediamo che i due punti vengano rinviati in occasione di una prossima seduta del Consiglio.

Sindaco:

personalmente sono d’accordo sulla n. l0 perché è a firma dei due assenti, sulla n. 9 firmata da tutti 5, tra cui il capogruppo che è presente, non sono molto d’accordo.
Ci vorrebbero motivazioni più valide, perché non vedo perché voi non dobbiate avere, visto che siete firmatari, questa documentazione che tanto attendevo. (ci speravano molto anche tante altre persone)
In ogni caso potete poi replicare alla mia risposta.
Se il Consiglio decide di rinviare io mi attengo a quello che decide il Consiglio.
Proviamo a votare.
Allora, io sarei favorevole a rispondere comunque alla n. 9, la n. l0 faremo quando sono presenti gli interroganti.
Chi è favorevole alza la mano e chi è contrario .. io mi attengo assolutamente. lo sono favorevole per parlare stasera.

VOTAZIONE PER TRATTAZIONE PUNTO N. 8 (EX 9)

Il Presidente mette in votazione al proposta di procedere con la risposta alla interrogazione
La votazione espressa in forma palese per alzata di mano dà il seguente risultato:
PRESENTI: 15
FAVOREVOLI: 12
CONTRARI: 3 (Manocchi, Lago, Bonamigo)
ASTENUTI:

Sindaco:

okay. Allora, se il Capogruppo vuole leggerla.

Consigliere Manocchi:

noi siamo contrari però di fatto visto che la presentiamo noi.. la motivazione è questa .. in realtà alcuni punti che sono stati toccati in questa interrogazione hanno avuto anche una vicenda sui giornali ..

Sindaco:

purtroppo!

Consigliere Manocchi:

…. purtroppo, e questo da una parte o l’altra diciamo purtroppo, perché forse sarebbe meglio il confronto diretto.

(Siamo d’accordo, se c’è da dire qualche cosa, o contestare qualche affermazione lo si fa nelle giuste sedi, nei giusti modi, e soprattutto faccia a faccia, le questioni, anche di una certa rilevanza, non si risolvono con un cinguettio informatico, un post su Facebook, un articolo su qualche giornale o delle dichiarazioni in TV, il tutto senza contradditorio, ma evidentemente ………)

Allora, siccome ci sono state già un paio di uscite sui giornali da parte dell’ ex Sindaco, mi diceva che lei stessa aveva piacere di affrontare l’argomento direttamente con il Vicesindaco.
Non è una questione di affrontare o non affrontare, perché insomma credo ci sia agli atti già della documentazione, per cui potremo tranquillamente rispondere, in parte è già stato scritto e letto nei giornali, mi riferisco al discorso delle piante e non solo, al discorso della rotatoria.

Questa è una richiesta che mi fa l’ex Sindaco Silvia Pasinato (e allora?) di poter chiedere il rinvio della discussione.

Noi ragioniamo in maniera collegiale come voi ..
Non è per non affrontarlo il discorso, è perché è stato aperto, purtroppo sottolineo, nei giornali e, quindi, chi lo ha fatto aveva il piacere ..

Sindaco:

purtroppo nei giornali .. è stato mandato un comunicato stampa a tutti i giornali, quindi è stato aperto dall’ex Sindaco in maniera molto .. con toni molto direi astiosi e di risentimento, direi velenosi; per cui non è neanche pensabile che poi uno si aspetti, perché assente, che non sia discussa dopo un mese che è stata presentata e i giornali ne hanno parlato.
lo sono rispettoso al massimo delle posizioni, sono contrario a tutte le polemiche e tengo buoni molti miei amici che dicono “sei troppo buono”, però ogni tanto faccio il cumulo.

Sono quattro lettere con toni velenosi contro il campanaro, il parroco, il vescovo, il consiglio pastorale, l’Assessore, perfino i cittadini che hanno votato male, credo che a questo punto dopo un mese e mezzo – due sia il caso anche di rispondere.

Consigliere Manocchi:

questo è un altro capitolo perché campanaro .. adesso noi stiamo parlando di un’interrogazione che aveva dei contenuti ben precisi.
Diciamo che questo clima è velenoso (Già, chissa chi sarà mai stata la persona che ha sparso veleno a piene mani) però a volte è anche scaturito dal fatto, mi permetta, che quando si parla bisogna anche pesare le parole (Infatti, anche su questo siamo d’accordo! …..) perché andare a fare delle accuse gratuite ..

Sindaco:

scusate, lasciamo parlare.

Consigliere Manocchi:

siamo in sede di Consiglio, quindi non è che siamo al di fuori dei lavori.
Ripeto, il tutto è scaturito dalle affermazioni non appropriate fatte da qualcun altro.

Sindaco:

se sono appropriate o meno lo diciamo rispondendo all’interrogazione.

Consigliere Manocchi:

certo, però ci sono dei fatti sottolineati da dei documenti che testimoniano che alcune cose dette .. Siamo di pareri diversi, io ho rispetto, ripeto, credo sia nostra facoltà visto che l’abbiamo proposto noi chiedere il rinvio della discussione, è una richiesta che mi è stata fatta da chi questa sera è assente perché aveva piacere poterlo fare direttamente ….

Sindaco:

chi è assente ha mandato la giustificazione scritta, poteva anche mandare per iscritto la richiesta di rinvio. lo dico che i toni più o meno sopra le righe si possono tollerare quando si discute a voce, eravamo fuori dal Consiglio .. non in Consiglio, quando si scrive si devono pesare bene le parole e, quindi, anche le conseguenze.
Ciò che è scritto è scritto, ciò che uno ha detto, a me sembra che abbia detto cosÌ, questo è scritto e i toni pesanti come quelli che si leggono qui, e non parlo dell’ultima perché siamo fuori contesto, l’ultima sulla bretella, sono toni assolutamente inaccettabili secondo me per una persona che riveste un ruolo istituzionale e, soprattutto, se ha rivestito un molo istituzionale molto più importante.
Sono intollerabili. lo leggerei comunque l’interrogazione e risponderei, poi successivamente potrà capitare che risponderanno ancora una volta con comunicati stampa, ancora una volta io taccerò ma parlerò nella sede giusta, questa.

Mi avete chiesto un’interrogazione, io rispondo, non rispondo attraverso comunicati stampa.

Consigliere Manocchi:

non è la prima volta che un’interrogazione possa essere anche rinviata, cioè è facoltà di chi l ‘ha presentata. Dopo se voi non siete favorevoli questo è un altro paio di maniche.

Sindaco:

chiedo cinque minuti di sospensione, ci riflettiamo anche noi, ci riflettete anche voi.

Cinque minuti e poi decidiamo.

La seduta viene sospesa momentaneamente e, alla ripresa il Sindaco chiede che venga data lettura alla interrogazione; quindi in accordo con il capogruppo Manocchi provvede personalmente a dare lettura dello scritto:

Notare le parti sottolineate in rosso
Notare le parti sottolineate in rosso

Di seguito il link all’intero documento – Deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 08/09/2014.
Risposta alla interrogazione presentata dai consigliere Pasinato Antonio e altri del gruppo consiliare ” Silvia per te – Cassola per il futuro ” sulle affermazioni del Vicesindaco – Assessore ai Lavori Pubblici al termine della seduta del 23 luglio 2014 ( prot. 8339 del 06.08.2014) potete leggerlo o scaricarlo al seguente link.

Scarica o leggi il Documento

Annunci

One thought on “L’interrogazione e la documentazione che non c’è ma forse arriverà! – Parte 1

  1. Pingback: La Rotonda OGM fa ancora parlare e discutere. | No gassificatore di rifiuti pericolosi e non a Cassola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...