Comune di Cassola/Progetti di Finanza e Grandi Opere/Strade e Ferrovie

Riunione di Sindaci a Cassola per una Pedemontana alternativa

Ieri 28 agosto presso il Comune di Cassola si è tenuta una importante riunione sui temi della SPV, prommossa dal CoVePA in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Cassola.

Covepa - 02

L’invito è stato rivolto ai Sindaci di Bassano, Marostica, Nove, Pianezze, Breganze, Mason. Sarcedo, Mussollente, oltre alle amministrazioni trevigiane di Riese S.Pio X, Povegliano, Vedelago e Volpago. Erano presenti Cassola, Marostica, Mussolente, Breganze, Pianezze, Riese, Povegliano, Vedelago e Volpago.

Ieri a Cassola primo incontro per un tavolo sulle azioni a disposizione delle amministrazioni locali alternative alle compensazioni.

E’ stata proposta la possibilità di intervenire presso il Commissario Governativo per la Superstrada Pedemontana Veneta perché agisca in autotutela sull’intera procedura adottata sino ad oggi agendo per via amministrativa, nel caso in cui sia opposto diniego

Ringraziamo in particolare il Sindaco Maroso che ci ha ospitati e che ha sostenuto lo spirito di questo incontro.

Il confronto tra gli amministratori presenti e il CoVePA è entrato nel merito dello stato del progetto esecutivo, della vicenda legale legata all’infrastruttura e delle eventuali azioni a disposizione delle amministrazioni locali.

Sono state affrontate le condizioni del territorio che l’attuale tracciato della Superstrada Pedemontana Veneta aggrava ulteriormente. La situazione è portatrice di pericoli che potrebbero concretizzarsi qualora il tracciato fosse completato.

Considerando le responsabilità per la sicurezza e la salute della rispettiva cittadinanza, è stato avviato un tavolo di confronto per porre in essere ogni iniziativa onde scongiurare eventuali rischi e pericoli.

E’ stata proposta la possibilità di intervenire presso il Commissario Governativo per la Superstrada Pedemontana Veneta perché agisca in autotutela, per le ragioni sopra richiamate, sull’intera procedura adottata sino ad oggi agendo per via amministrativa, nel caso in cui sia opposto diniego dal Commissario.

Il tavolo aperto a tutte le amministrazioni disponibili e coscienti delle condizioni negative del progetto vuole produrre una visione alternativa a partire dalle esigenze dei cittadini e da queste far discendere azioni consapevoli, per questo è stato fissato un nuovo appuntamento per dopo la metà di settembre in cui si entrerà nel merito delle azioni amministrative disponibili.

La concretezza delle riflessioni del pomeriggio di ieri poggia sulla considerazione che i presupposti dell’attuale proposta della infrastruttura sono false nulle e illegittime.

Ciò che è stato proposto al tavolo dei sindaci sulla SPV è un percorso concreto e verificabile con cui cercare la soluzione dei nodi attuali, al di là delle scorciatoie delle compensazioni e a partire dalla presa di coscienza che gli atti sono annullabili e si possono rivedere perché illegittimi.

Solo da questi conseguono le peggiori ricadute sui territori e sui cittadini.

Pende infatti sulla legittimità dell’opera un triplice ricorso presso la Corte Costituzionale e tutt’ora non sono state riformate almeno due sentenze presso il TAR Lazio che hanno dichiarato illegittima Emergenza e Commissario SPV, nonché lacunosa e gravemente incompleta la VIA e il progetto definitivo ed esecutivo che da questa discende.

Non sono mancate considerazioni sugli aggravi dei costi per la mobilità prevista a pagamento in SPV che ammonta a 0,14€/km per i mezzi privati e 0,24€/km per quelli commerciali oltre alle labirintiche complanari per la viabilità ai 13 caselli di accesso al territorio che SPV si ostina a voler costruire.

Per questo alcune considerazioni finali hanno riguardato la questione del Contratto di Concessione e del Piano Economico e Finanziario di SPV

Per leggere l’articolo sul sito del CO.VE.PA. – Cliccare qui

Covepa - 04

Del Contratto di Concessione e del Piano Economico Finanziario avevamo già pubblicato qualcosa ….

ARTICOLI CORRELATI:

Dopo le pippe del presidente, delliassessore, del commissario e di chi invoca orchi e cosacchi alle porte delle nostre case

Pedemontana Veneta: l’eurodeputato Zanoni mostra le carte. 
Avevano le loro ragioni ad aver nascosto per anni un contratto, di fatto, pubblico, e noi che pensavamo male, dovevamo pensare peggio! e ne avevamo ben donde.

Contratto Concessione e PEF SPV – Per leggere l’articolo sul sito del CO.VE.PA.

Cliccare qui 

Dopo tanto parlare e tanti dinieghi finalmente siamo entrati in possesso del contratto di convenzione relativo alla Pedemontana Veneta. Il muro di gomma è stato forato. Più nel dettaglio il materiale del quale siamo entrati in possesso consta della convenzione datata 21 ottobre 2009, con tutti gli allegati. Inoltre abbiamo nelle nostre mani anche ciò che la trasforma profondamente, l’aggiornamento della convenzione datato 18 dicembre 2013 con il nuovo Piano Economico Finanziario e tutti i nuovi allegati.

Covepa - 05

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...