Comune di Cassola

Discarica GIE di Cassola, la SPV trasloca a Nord?

E l’amministrazione di Cassola solo adesso (in campagna elettorale) sembra accorgersi che sarebbe un’ottima soluzione.

E’ di oggi, la notizia pubblicata sul Gazzettino, il ministero delle infrastrutture stà infatti valutando lo spostamento dell’asse stradale a nord della discarica GIE di Cassola, anziché a sud come sarebbe in programma attualmente.

Titolo

E chissà come mai gli uomini al lavoro lungo l’Ezzelina stanno lavorando più alacremente che mai e procedendo a spron battuto ad effettuare quanto necessario per la prosecuzione dell’opera.

La soluzione, proposta dall’ing. Bergamin era andata in onda sul TG3 Regionale del 2 maggio scorso.

E noi l’avevamo riproposta nell’articolo di cui al link dopo il video.

L’Articolo completo: E ancora una volta la discarica di Cassola va a finire in un TG

La proposta, dicevamo, è arrivata, ed a tempo di record, nelle mani giuste a Roma, e sembra, almeno leggendo l’articolo, che all’ultimo momento si sia aggregata anche l’amministrazione comunale, (potenza della campagna elettorale?) dov’era finora?, vogliamo rammentare a chi ci legge che:

………… con Delibera di Giunta Comunale del 24/10/2013 è stata dato avvio al procedimento per variare il Piano di Assestamento del Territorio (PAT) del Comune di Cassola: come emerge chiaramente dall’Allegato A della predetta delibera, tuttavia, tale variante è stata elaborata sulla base dei vecchi tracciati della Superstrada Pedemontana Veneta, Nuova Valsugana e Bretella ANAS, relativi svincoli, intersezioni e complanari ad esse collegate, da ritenersi non più validi essendo stati più volte modificati.

Come può il Comune di Cassola rivedere la composizione del territorio, stabilendo così quali saranno le nuove aree edificabili con finalità commerciali e produttive basandosi su vecchie planimetrie e tracciati non aggiornati, che riportano un disegno del territorio diverso da quello che verrà realmente adottato?

La delibera di giunta Comunale n.176 del 24-10-2013

La variante al PAT è stata studiata sulla base di questa planimetria, allegata alla delibera, notevole!

2 - Tracciato su cui è stata studiata la variante al PAT di Cassola- Delibera di Giunta del 23-10-2014

D’altra parte, leggendo il verbale del successivo consiglio comunale del 17 dicembre 2013 è evidente che l’amministrazione comunale si sottomette in toto alle soluzioni progettuali, non esiste nessun accenno ad un eventuale proposta di spostamento a nord a causa del grave problema della discarica, anzi le soluzioni dal commissario straordinario Vernizzi sembrano essere totalmente recepite e condivise.
L’amministrazione di Cassola, con l’ing. Vernizzi ha già   avuto degli incontri  per la trasformazione di svariate migliaia di metri quadri di terreno agricolo in edificabile a causa dell’emergenza stradale e nel nome del pubblico interesse, se avessero voluto potevano, o per lo meno potevano provare, a sottoporre la proposta di spostamento a nord durante i loro incontri per la firma dell’accordo di programma.

Il Verbale del consiglio comunale n.77 del 17-12-2013

Vernizzi e i Pasinato

Visto che l’amministrazione comunale parrebbe interessata al problema, tanto da sostenere l’ipotesi dell’ing. Bergamin, come mai non è stato proposto allo stesso di usufruire dell’auditorium Vivaldi per l’assemblea di sabato 10 maggio  e sostenuta anche dal nostro comitato?

Non è che per caso, ma solo per caso, lo hanno saputo solamente dai nostri volantini e, visto l’interesse dimostrato nelle alte sfere, si sono automaticamente definiti “Sostenitori?”

Non vi sembra strano, che a prescindere dall’appartenenza politica, gli amministratori di Cassola, visto il loro “interessamento” sul tema proposto, fino ad ora, non abbiano espresso il desiderio di poter intervenire e proporsi come sostenitori?

Non vi sembra strano, che nonostante le tanto decantate amicizie “romane” personali dei Pasinato (che, dichiara, hanno fruttato al comune ben 40.000.000,00 di euro e lo potete leggere anche in questo articolo pubblicato su Bassano.net Articolo di Bassano.net ) non sembra siano mai state interpellate per una proposta di spostamento della SPV a nord, fino ad oggi?

I lavori sono già iniziati, così come le procedure degli espropri, anche per i capannoni da demolire, possibile mai che loro, con le loro amicizie “importanti” non abbiano fatto nulla?
Sembrerebbe che solo adesso, che un terzo, l’ing. Bergamin, è arrivato in cima alla piramide politica, suscitando l’interesse  anche del governo, i Pasinato si dichiarano sostenitori!

Rammentiamo anche fin troppo bene quanto sia stato costante, sollecito e costruttivo il sostegno che abbiamo avuto ai tempi del gassificatore, querele, denunce, multe, segnalazioni, anche anonime che sono costate care ad alcuni cittadini di Cassola che ci sostenevano e ci sostengono ancora.

Qualcuno forse tenta di saltare sul carro, che sembra, in quanto nulla c’è di certo, avere probabilità di successo, cosa non si farebbe per due voti in più.

Vogliamo fare una proposta, l’amministrazione potrebbe venire al Metropolis di Bassano sabato mattina alle 10,00, potrebbe illuminarci su quanto ha già fatto per lo spostamento a nord della SPV e su quanto ancora intende fare, e, visto che sarebbero già sul palco, se ne hanno voglia potrebbero anche illuminarci su quanto accaduto sui terreni di via Marzabotto.

Dichiara l’ing. Bergamin

ERA (ma al momento lo è ancora) UNA SOLUZIONE FOLLE , ADESSO IL GOVERNO CHIEDERA’ SPIEGAZIONI!

Titolo 2

E sarebbe anche ora, meglio tardi che mai, direbbe qualcuno.

Non usa mezzi termini Giampaolo Bergamin per condannare il lavoro della Regione Veneto e del commissario Silvano Vernizzi sulle vicende Cassolesi della SPV.

A partire dal pericolo ambientale dovuto all’impatto con la discarica GIE “Secondo la legislazione vigente il livello di progettazione definitiva prevede una serie di circostanziate valutazioni tecniche, geologiche e geotecniche che dovevano rilevare immediatamente l’inesattezza del tracciato e invece una simile follia progettuale è arrivata a compimento, nonostante i rilievi plano altimetrici della discarica fossero disponibili, la caratterizzazione dei rifiuti presenti e i livelli profondi della stessa.

E restano tutt’ora aperti i dubbi sull’intero asse della SPV, se analizzando in maniera approfondita un piccolo tratto sono stati trovate così tante assurdità progettuali, cosa potremmo trovare analizzando l’intero percorso?

Dubbi e domande le pone anche la senatrice Laura Puppato

imageCosì come restano tutt’ora validi e degni di un approfondimento i dubbi espressi dalla senatrice Laura Puppato, che abbiamo pubblicato in un precedente articolo e dei quali riportiamo uno stralcio.

……. Mi chiedo e chiederò al ministro Lupi e al premier Renzi perché il progetto sia stato tenuto fermo per quattro anni con il tracciato che correva sopra una discarica di rifiuti tossici e, quindi, manifestamente irrealizzabile, mentre in presenza del solo progetto esecutivo – ovvero all’ultimo stadio di perfezionamento – improvvisamente si sente la necessità di spostarlo a sud della stessa discarica, transitando nel bel mezzo di Cassola, comune che sembra abbonato al malaffare ambientale e in cui i cittadini stanno veramente perdendo la pazienza» ha proseguito.
«Con questa variante, decisa per l’appunto solo allo stadio esecutivo, si intende sovrapporre la strada ad una zona edificata, volumi solo parzialmente utilizzati, ma nel frattempo ampliati e sarà interessante andare ad analizzare quanto questa si sia apprezzata nei quattro anni in cui il progetto languiva nei cassetti.

Qui di seguito l’intero articolo con le dichiarazioni della senatrice Laura Puppato.

Cassola un comune abbonato al malaffare ambientale

Ed è una cosa che vorremmo fosse chiarita anche noi, com’è stato possibile concedere di costruire su terreni che erano di fatto già predestinati ad essere oggetto di successivi espropri e demolizioni?

Magari qualcuno adesso potrebbe risponderci che ha avuto una “VISIONE” è sapeva, anche grazie al suo personale e disinteressato intervento, che la SPV sarebbe stata spostata a Nord.

 

Vediamo se l’amministrazione di Cassola recepisce l’invito ……..

 

manifesto P

 

Pedemontana - Zannoni - Fronte

Pedemontana - Zannoni - Retro

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...