Comune di Cassola

E ancora una volta non è una loro precisa scelta!

E’ di pochi giorni fa un articolo, pubblicato su un quotidiano locale, che conferma quanto già si immaginava nel paese.

01_32_gdv_f1_750Pasinato bis, se fosse un film potremmo scrivere “Pasinato 2 La Vendetta” ma non è un film.

Nell’articolo del “Gazzettino” si legge come non sia una scelta meditata e fondata su solide basi per, ad esempio, continuare l’opera intrapresa nel suo primo mandato tesa al benessere dei cittadini tutti, ma è semplicemente spinta, quasi controvoglia, a tale gesto dall’insistenza di “moltissimi” Cassolesi che le chiedono, con una raccolta firme, di ricandidarsi alla poltrona più importante del paese, non si parla di bene del paese, miglioramento delle condizioni di vita in paese, del bene dei cittadini TUTTI, ma solamente per “senso di responsabilità nei confronti dei cittadini”.

Ma di quali cittadini, sempre dei soliti o di tutti?

Solo “alcuni” imprenditori o pseudo tali che a loro insaputa si presenteranno con progetti faraonici per la realizzazione delle nuove tecnologie nel settore dei rifiuti speciali o attività simili solo per usufruire della pioggia di contributi pubblici, o di tutti i cittadini?

Faranno ancora in modo che le tante ditte che non trovano “spazi” nel circondario vengano a costruire altri capannoni a Cassola o ci risparmieranno di tramutare ancora e ancora quei pochi spazi di verde dei terreni agricoli in edificabili per i comodi di potenziali speculatori, penseranno ancora di piazzare “robe” tipo “Un Frantumatore” nel bel mezzo di una zona residenziale, agevolando una sola persona e nel contempo danneggiandone molte altre, o magari, invece di fare spallucce rifletteranno anche sullo “Stress” psico-fisico che subiranno i cittadini dovuto alla vicinanza di una simile fonte di inquinamento (polveri, rumori, traffico), per non parlare della perdita economica dovuta al calo del valore delle loro case vista la vicinanza di un simile impianto.

E’ trascorso quasi un anno dalla richiesta fatta dalle minoranze e non è ancora possibile sapere quanti appartamenti e quanti capannoni sono in disponibilità di affittanza o vendita, non è una richiesta fatta a caso, per chi amministra dovrebbe essere un dato molto importante.

In una amministrazione lungimirante questo dato dovrebbe servire per stabilire quante e quali  concessioni è ancora possibile dare sul territorio, anche sulla base delle infrastrutture esistenti, e quali sono le attività a cui concederle e quali invece sono già fin troppo presenti sullo stesso territorio, ma la lungimiranza, così come la trasparenza non sono mai state delle buone frecce in certi archi.

Come ad esempio, ma solo come esempio, il volantino distribuito pochi giorni fa che annunciava la posa in opera di un semaforo, seppur, come sembra, “pedonale”, per regolare il traffico in un incrocio lungo l’Ezzelina.

Il  sindaco chiude la comunicazione con la motivazione  per cui è stato fatto tale volantino:

Tanto dovevo per evitare fraintendimenti, strumentalizzazioni e incomprensioni” cioè non per trasparenza, non, ad esempio, con le solite frasi di rito come “Scusateci per il disagio, stiamo lavorando per voi” ci si potrebbe chiedere, ma quali tortuosi pensieri devono correre per la mente di certe persone, se si arriva a chiudere una comunicazione con una frase del genere?

Si installa un semaforo e si pensa a strumentalizzazioni  e incomprensioni perverse?

Certo, visto che è stato demolito un intero edifico, (a spese del comune naturalmente, nonostante per farlo sia stato concessa l’edificabilità di un bel pezzo di terra con gli evidenti vantaggi economici derivanti)  per fare posto all’incrocio forse era più conveniente spendere qualche cosa in più subito per fare una rotonda e risparmiare molto di più in futuro, ma questa è una scelta tecnica che sicuramente sarà giustificata, come sempre, se richiesto, da chi ne ha la competenza, nel migliore nei modi con pezze d’appoggio corredate dai soliti timbri e naturalmente firmate da tecnici che non scrivono per quanto sono pagati.

E comunque, tanto per chiudere il discorso, almeno per il momento, per quanto è dato sapere questa raccolta firme potrebbe essere simile alle moltissime firme, mai viste in calce, alle lettere di “Un Gruppo di Genitori di Cassola”  nelle famose lettere anonime fatte pervenire a mezzo mondo per sostenere che l’iniziativa di esporre gli striscioni contro il Gassificatore, non era farina del sacco degli studenti, ma di oscure e soprattutto malevole entità che a tale scopo ne avevano invaso la mente ed il corpo.

Ma non lo sapremo mai, il numero delle firme, e soprattutto il nome dei firmatari, resterà chiuso a doppia mandata nei cassetti di qualcuno a eterna testimonianza dell’amore e dell’affetto che “alcuni” cittadini di Cassola nutrono per il loro sindaco.

p.s.

Sul giornale si legge che il sindaco si appoggerà al Nuovo Centro Destra, siamo sicuri che stavolta la lista sia quella? Non è che poi viene fuori che nessuno sapeva niente e invece del NCD passa a FI o magari visto l’aria che tira tra i Renziani? Pensiamo di poter escludere un ingresso tra i “Grillini”.

Aggiornamento del 04 marzo 2014

Aggiorniamo il post, in quanto abbiamo ricevuto alcune mail di cittadini che non hanno visto l’avviso per il semaforo a cui abbiamo fatto riferimento.
Potrete leggerlo e/o scaricarlo al link successivo.
Informativa sulla posa in opera di un semaforo “pedonale”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...