Inquinamento

Terra dei Fuochi, ad Acerra i casi di cancro sono aumentati dell’81% in quattro anni

Terra dei Fuochi, ad Acerra i casi di cancro sono aumentati dell’81% in quattro anni

Volete una di quelle notizie che raramente vanno sui grandi media ma che meritano di essere diffuse perchè fanno riflettere?

Acerra - 02

Eccola. Ad Acerra, provincia di Napoli, nella Terra dei Fuochi martoriata da monnezze e veleni, negli ultimi quattro anni i casi di cancro sono aumentati dell’81%. Un aumento pauroso ma grossomodo analogo ad altri distretti sanitari della Terra dei Fuochi in cui sono stati raccolti questi dati

Per la precisione, ad Acerra è aumentato dell’81% il numero quanti hanno chiesto l’esenzione dal ticket sanitario perchè è stato loro diagnosticato il cancro. Le richieste sono state 427 nel 2009 e 774 nel 2012.

La notizia è stata diffusa venerdì via Facebook dai Medici per l’Ambiente della Campania.

In Campania in teoria il registro tumori esiste, ma in pratica è depotenziato.

In ogni caso, impiegherà anni per acquisire informazioni ed elaborarle dal punto di vista statistico. Così i Medici per l’Ambiente hanno scelto la via del fai-da-te, domandando all’Asl, in ogni distretto sanitario, il numero degli assistiti che hanno richiesto il “codice 048″: corrisponde appunto all’esenzione dal ticket sanitario conseguente a diagnosi di cancro. Ecco il risultato per Acerra.

Acerra - 01

Il distretto sanitario di Acerra comprende la sola città di Acerra, 57.000 abitanti circa. Questi dati sui nuovi malati di cancro hanno un valore empirico e non statistico: bisognerebbe elaborarli alla luce di indicatori quali età, sesso, recente immigrazione nella zona; anche il raffronto con il passato andrebbe effettuato con gli stessi criteri. Sarebbe appunto il compito del registro tumori.

Sono meri numeri grezzi, insomma. Ma sono comunque numeri impressionanti: nel 2009, ad Acerra una persona su 133 ha fatto richiesta di esenzione dal ticket per cancro; nel 2012, una persona su 73. I Medici per l’ambiente avvertono che con ogni probabilità il numero dei nuovi malati di cancro è più alto, perchè non chiede l’esenzione chi già la possiede a causa di altre patologie e – l’avete visto – sostengono: “Non esistono altre cause da mettere in relazione con tale incremento/eccesso di incidenza al di fuori della contaminazione da sostanze tossiche“.

La situazione di Acerra è simile a quella del distretto sanitario di Nola, dove nel 2008-2012 le richieste di esenzione dal ticket per cancro sono aumentate del 70%. Nei distretti sanitari di Frattamaggiore e Casoria sono triplicate sempre nel periodo 2008-2012.

Fonte dell’Articolo:

Terra dei Fuochi, ad Acerra i casi di cancro sono aumentati dell’81% in quattro anni

Articoli Correlati:

Mangiare o no i prodotti cresciuti nella Terra dei Fuochi? Battaglia di cartelli su Facebook

Nella “terra dei fuochi” i casi di cancro sono triplicati negli ultimi cinque anni

Medici per l’Ambiente – Provincia di Napoli

La salute è troppo cara. Campania, registro tumori solo in versione micro e low cost

Distretto sanitario n. 46 – Acerra

Cavoli concimati dal depuratore. Rifiuti in Campania, i fatti noti che l’Italia non vuol vedere

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...