Incenerimento e Gassificazione/Inquinamento/Politichese e dintorni

Renzi: PATRIZIA GENTILINI, Terrorista nonchè apprendista Alchimista o Oncologo di fama?

PATRIZIA GENTILINI oncologo di fama spiega la situazione di Faenza

e come si è arrivati ad avere le falde inquinate

Sullo scandalo delle falde acquifere inquinate nell’ex zona industriale interviene l’oncologa Patrizia Gentilini.

inceneritore-vc

Così hanno inquinato mezza Italia:

Nata a Faenza, laureata a Bologna e specializzata in Oncologia a Genova e in Ematologia a Ferrara, Gentilini ha lavorato nel reparto di oncologia dell’ospedale di Forlì occupandosi di Prevenzione-Diagnosi precoce e di Terapia dei tumori. Vicepresidente dell’Associazione contro Leucemie, Linfomi, Mieloma (Ail, sez.Forlì-Cesena) fa parte di Medici per l’Ambiente (Isde Italia) partecipando a convegni nazionali e internazionali.

La notizia di un gravissimo inquinamento a Faenza da solventi, sostanze clorurate, idrocarburi policiclici e altre sostanze in falde acquifere, profonde anche 40-50 metri, desta profonda preoccupazione.

Innanzitutto per i potenziali rischi per la salute umana, ma anche perchè appare, purtroppo, come l’ennesima conferma della tragica situazione in cui versa l’ambiente in cui viviamo, violato e contaminato per colpevoli e delinquenziali comportamenti umani.

Se pensiamo poi che il ‘ricambio’ delle falde profonde avviene in media in 1400 anni, possiamo ben capire che il loro inquinamento è un evento di gravità inaudita; inoltre, di che ricambio potrà mai trattarsi se nulla cambia nel nostro sistema economico-produttivo?

Su quanto emerso, in assenza di dati analitici più precisi, si può dire che l’inquinamento delle falde da parte di organoclorurati (di solito tetracloro o tricloro etilene) in aree di vecchia industrializzazione, non è certo una novità per il nostro Paese. Situazioni analoghe sono alla ribalta della cronaca giudiziaria: una breve panoramica dell’attuale situazione è altamente sconfortante.

A Cremona è in atto un processo contro la Tamoil: cinque gli imputati dell’inchiesta per i quali è stato chiesto il rinvio a giudizio. Si tratta di dirigenti della compagnia petrolifera dal 1999 al 2007. L’accusa è avvelenamento delle acque destinate a uso umano.

In Veneto, nel maggio 2011, l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente (Arpa) di Treviso ha riscontrato la presenza di mercurio nei pozzi dei comuni di Preganziol, Treviso, Casier e Quinto. Stando ai dati diffusi, su 518 pozzi ben 137 risultavano avere concentrazioni di mercurio al di sopra dei limiti consentiti.

Non se la passa meglio l’Abruzzo con l’inquinamento di acque destinate al consumo umano a Bussi e nella Val Pescara dove si è verificato un disastro ambientale di proporzioni inimmaginabili per le potenziali conseguenze sulla salute di 500mila cittadini: nelle falde sono stati riscontrati cloroformio, tetracloruro di carbonio, esacloroetano, tricloroetilene, triclorobenzeni, metalli pesanti (alcuni con livelli 3 milioni di volte superiori ai limiti di legge).

Invece per i pesticidi una recente indagine Ispra (Istituto superiore protezione e ricerca ambientale) ha evidenziato per le acque superficiali che il 47.9% dei campioni esaminati è contaminato da pesticidi (presenti in quantità superiore di limiti di legge nel 31,7%); e per le acque sotteranee una contaminazione nel 27% dei casi (presenti in quantità superiore ai limiti di legge nel 15.5%).

Quest’indagine ha identificato nelle acque esaminate ben 131 di queste sostanze e ancora una volta ‘maglia nera’ della contaminazione è la Pianura Padana, per l’agricoltura intensiva qui praticata da anni. Si pensi che nelle falde profonde si ritrovano inquinanti vietati da molto tempo come l’atrazina, molecola al bando da decenni, ma tuttora presente nell’ambiente.

Le persone dovrebbero essere informate sul fatto che si tratta di sostanze pericolose anche in quantità infinitesimali e che l’esposizione umana a piccole, quotidiane dosi a questi veleni rappresenta un pericolo gravissimo per la salute, specie per donne in gravidanza, feti e neonati.

In questo panorama desolante qualche motivo di speranza viene da oltreoceano: nel 2011, in Usa, la Exxon Mobil è stata condannata a corrispondere un risarcimento di 1,5 miliardi di dollari per un grave caso di inquinamento del suolo e delle falde acquifere, rendendo giustizia ai cittadini coinvolti.

Avremo mai soddisfazioni di questo livello anche in Italia?

 Articolo

di Patrizia Gentilini – 12 aprile 2012 – FONTE: La Voce

In persone molto sensibili ai problemi ambientali, articoli come questo fanno accaponare la pelle…. d’altro canto è bene che certe cose si sappiano e l’oncologa Patrizia Gentilini stende un quadro davvero preoccupante per quanto riguarda l’inquinamento ambientale che, per usare le sue stesse parole, viene continuamente “violato e contaminato per colpevoli e delinquenziali comportamenti umani”.

Potrà mai cambiare tutto questo? Si potrà arrivare, un giorno o l’altro, all’abolizione TOTALE di tutte le sostanze chimiche dannose per l’ambiente e la salute dell’uomo che, ahinoi, vengono adoperate massicciamente nelle coltivazioni intensive (e non solo)?

Il “biologico” che costituisce ancora l’eccezione, potrà mai diventare la regola? Personalmente è quello che io mi auspico accada con tutto il cuore, perchè continuare a utilizzare sostanze chimiche nocive significa andare contro la nostra stessa natura, significa VIOLENTARE un ambiente che non ha bisogno di tutto questo!

Tutto si paga, non dimentichiamocelo, e a fare le spese di questo uso dissennato di prodotti chimici inquinanti saremo immancabilmente noi uomini, sopratutto le generazioni future, che si ritroveranno in “eredità” gli scempi perpetrati dalle generazioni precedenti.

Marco

Fonte:

http://marco-lavocedellaverita.blogspot.it/2012/07/cosi-hanno-inquinato-mezza-italia.html

 

I Tumori possono insorgere anche, ma non solo, per le scelte strutturali. 

Ve lo ricordate quando Matteo Renzi, accusò la dott.ssa Gentilini,oncologa di chiara fama, di essere una apprendista alchimista nonché una terrorista? Ci auguriamo che nel frattempo abbia cambiato idea sull’utilizzo degli inceneritori.

Se non lo ricordate guardatevi questo video:

posa%20cenere%20inceneritore

I cancrovalorizzatori, Matteo Renzi e la lettera non pubblicata da Repubblica

La lettera di protesta firmata da 50 tra medici e ricercatori mai pubblicata, forse perché utilizzando la fantasia “politicamente corretta” di chi chiama gli inceneritori “Termovalorizzatori” loro, coloro che sono a contatto con la malattia quotidianamente e probabilmente la conoscono meglio di altri li chiamano con il loro vero nome?

16 novembre 2012 – Paolo Zignani

Toni ingiuriosi e sprezzanti, aggressione verbale da parte di Matteo Renzi durante una trasmissione televisiva, in cui l’oncologa Patrizia Gentilini parlava dell’alta incidenza tumorale nelle zone ad alta industrializzazione e nei paraggi degli inceneritori. Sono passati alcuni anni, era il 2009, ma la vicenda non si è chiusa. Ecco la lettera aperta a Repubblica ancora disponibile sulla pagina Facebook di Sonia Alfano.

Una lettera aperta (e finora non pubblicata dal primo destinatario) a firma di 50 medici e biologi italiani è stata inviata più di 2 settimane fa a “Repubblica”, ma nonostante le sollecitazioni non è stata pubblicata. I mittenti hanno deciso allora di inviarla a diversi giornali nella speranza di ottenere la visibilità richiesta.La lettera è in difesa della dottoressa Patrizia Gentilini, letteralmente “aggredita” verbalmente dal presidente della Provincia di Firenze (oggi candidato sindaco) dopo che la Gentilini si era permessa di esprimere – da oncologa – il suo parere fortemente contrario agli inceneritori e termovalorizzatori (quelli che i medici di mezza Italia ormai chiamano più correttamente “cancrovalorizzatori”).

Gent.mo Direttore,

nell’edizione di Firenze del suo giornale del 25 febbraio scorso è riportato l’articolo sull’apertura della causa civile per diffamazione intentato dalla dr.ssa Patrizia Gentilini nei confronti del presidente della Provincia di Firenze e candidato a sindaco del capoluogo toscano, Matteo Renzi.

Nel corso di una trasmissione televisiva sui problemi dell’incenerimento dei rifiuti e dei possibili effetti sulla salute è emerso tutto il livore di chi, pur di difendere l’attuale gestione del problema, poco si cura del notevole incremento di malattie che potrebbero essere correlate con l’inquinamento ambientale: ci preoccupa, in particolare, il drammatico aumento (del 2% annuo: 20% in 10 anni!) dei tumori infantili (1).

La dr.ssa Gentilini ha lavorato nel campo dell’oncologia pubblica per circa trenta anni, a stretto contatto con i malati e i loro familiari, dimostrando una professionalità ed una umanità indiscutibili.

In ottemperanza all’art. 5 del Codice Deontologico dell’Ordine dei Medici, cui appartiene e di cui è referente per l’ambiente per l’Ordine di Forlì-Cesena, è da sempre impegnata per la Prevenzione Primaria, che trova nella difesa dell’ambiente il punto cruciale della tutela della salute pubblica.

Come oncologa, ha rivolto particolare attenzione all’incremento della patologia neoplastica, anche in ragione del fatto che la letteratura specialistica internazionale ha documentato negli ultimi anni un allarmante incremento di quasi tutte le neoplasie, soprattutto nelle giovani età e nel sesso femminile (1, 2). Esistono dati allarmanti che riguardano non solo l’Italia, ma anche la Francia e l’Inghilterra, che dimostrano l’alta incidenza tumorale nelle aree intensamente industrializzate e in particolare anche in quelle prossime ad inceneritori (3,4).

Su problemi tanto delicati, che riguardano la salute pubblica e l’avvenire di tutti i cittadini e dei nostri figli, si deve dimostrare sempre e dovunque la stessa attenzione e la stessa preoccupazione da parte di tutti.

Pur riconoscendo che si possano avere pareri differenti sulle soluzioni da adottare, sarebbe opportuno che chiunque rivesta ruoli istituzionali, prima di affrontare simili argomenti, si documentasse e imparasse a discuterne, specie in sedi pubbliche, con educazione, moderazione e senso di responsabilità.

Il sig. Renzi, invece, non ha soltanto affrontato problematiche tanto delicate e complesse con incredibile leggerezza, ma si è addirittura permesso di usare toni ingiuriosi e sprezzanti, nei confronti di una seria e stimata oncologa. Il breve elenco bibliografico al termine di questa lettera, è dedicato al sig. Renzi perché possa iniziare a documentarsi: potrà trovare, se lo vorrà, amplissima documentazione scientifica sull’argomento.

I medici e biologi firmatari di questa lettera non si limitano a esprimere piena solidarietà nei confronti della dr.ssa Gentilini, per incoraggiarla a proseguire in un impegno che è anche il loro, ma invitano tutti i colleghi e gli uomini di scienza a ricordare le accorate parole del prof. Tomatis, uno dei maggiori oncologi e ricercatori europei, recentemente scomparso, che a proposito della prassi irresponsabile di bruciare i rifiuti, ha dichiarato pubblicamente: “Le generazioni future non ce lo perdoneranno”.

Caro Direttore tramite il suo giornale rivolgiamo questo invito a riflettere sui preoccupanti problemi dell’ambiente non solo ai suoi lettori, ma soprattutto ai politici ed agli amministratori del nostro territorio sempre piu’ devastato da uno sviluppo vorace e inquinante.

Crediamo utile porgere questo appello soprattutto a chi si candida al ruolo di primo cittadino di una grande città, ricordandogli che tra i doveri specifici di un sindaco dovrebbe esserci quello di tutelare la salute dei propri concittadini oltre che di ascoltarli sempre con attenzione e rispetto.

La ringraziamo per lo spazio e l’ascolto che ci ha voluto accordare.

(1) Rapporto Annuale 2008 realizzato da AIRTUM

 (2) Rapporto Annuale 2008 realizzato da AIRTUM “I Tumori nelle donne” http://www.registri-tumori.it

 (3) « Etude d’incidence des cancers à proximité des usines d’incinération d’ordures ménagères » 2008 Secrétariat du Département santé environnement, Institut de veille sanitaire 12 rue du Val d’Osnes 94415 Saint-Maurice Cedex;

 (4) “The Health Effects of Waste Incinerators” 4th Report of the British Society for Ecological Medicine Second Edition June 2008

Firenze, 4 Marzo 2009

Romizi Roberto, Presidente ISDE Italia

Pizza Giancarlo, Presidente Ordine dei Medici di Bologna

Miserotti Giuseppe, Presidente Ordine dei Medici dei Medici di Piacenza

Abbate Giuseppina, ISDE, Palermo

Baracca Angelo, Firenze

Bartolini Federico, Medico di Med Generale, Geriatra, Forlì

Bevilacqua Riccardo, Forlì

Bolognini Michelangiolo, Medico Igienista, ISDE Pistoia

Borgo Stefania, Psichiatra, Roma

Burgio Ernesto, Pediatra, Comitato Scientifico ISDE, Palermo

Carpentero Gino, Medicina Democratica, Firenze

Cigala Fulgosi Francesco, Psichiatra, Ferrara

Comella Giuseppe, Oncologia – Ist . Pascale, Napoli

Crosignani Paolo, Medico Epidemiologo Istituto Tumori, Milano

Cristalli Mauro, Biologo Univ. Roma

Degrassi Francesca, Biologa Univ La Sapienza, Roma

Di Giacomo Maria Concetta, Medico Medicina Generale, Padova

Fabbri Muller, Oncologo Ricercatore Columbus U.S.A.

Faggioli Antonio, Libero Docente Igiene Bologna

Filippazzo Maria Gabriella, ISDE, Palermo

Franceschi Paolo, Pneumologo, Savona

Galassi Andrea, Medico Medicina Generale, Forlì

Garetti Gian Luca, Medico Medicina Generale, ISDE Firenze

Generoso Massimo, Pediatra, Presidente ISDE Firenze

Gennaro Valerio, Epidemiologo Istituto Tumori Genova

Ghirga Giovanni, Pediatra, ISDE Civitavecchia

Gotti Stefano, Italia Nostra Forlì

Guerra Manrico, Medico Medicina Generale, ISDE Parma

Laghi Ferdinando, Medicina Interna Castrovillari

Litta Antonella, ISDE Viterbo

Marfella Antonio, Oncologo e Tossicologo, Napoli

Medri Laura, Biologo, Forlì

Migaleddu Vincenzo, Medico Radiologo, Sassari

Milandri Marina, Med di Medicina Generale, Forlì

Mocci Mauro, Medico di Medicina Generale, Roma

Novara Rosanna, Biologo, Torino

Paganini Marco, Neurologo, Firenze

Panizza Celestino, Medico del Lavoro, Brescia

Parisi Felicetta, Pediatra, Napoli

Pedretti Gian Piero, Ostetrico Ginecologo, Forlì

Petronio Maria Grazia, Empoli

Ridolfi Ruggero, Oncologo Endocrinologo, ISDE Forlì

Rivezzi Gaetano, Pediatra, Vice Presidente ISDE, Caserta

Rosetti Danila, Medico Medicina Generale, Forlì

Rosetti Mauro, Veterinario, Forlì

Sibilia Lucio, Psichiatra, ISDE Roma

Silvestrini Rosella, Ricercatore, Milano

Tamino Gianni, Dip. Biologia Università di Padova

Timoncini Giuseppe, Pediatra, Forlì

Tonelli Bruno, Medico Medicina Generale, Forlì

Topino Roberto, Medico del Lavoro,Torino

Valassina Antonio, Ortopedico, Università Gemelli, Roma

Valerio Federico, Chimica Ambientale Istituto Tumori, Genova

Vantaggi Giovanni, Medico Medicina Generale, ISDE Umbria

Vigotti Maria Angela, Dip. di Biologia Università Pisa

Fonte:

http://cremonademocratica.org/2012/11/16/i-cancrovalorizzatori-matteo-renzi-e-la-lettera-non-pubblicata-da-repubblica/

Annunci

6 thoughts on “Renzi: PATRIZIA GENTILINI, Terrorista nonchè apprendista Alchimista o Oncologo di fama?

  1. Pingback: Incendio a Ca’ del Bue. Il PD attacca l’inceneritore a Ca del Bue | COMITATO NO GASSIFICATORE DI CASSOLA

  2. Pingback: Brindisi: “Centrale Enel di Cerano provoca fino a 44 morti l’anno” | No gassificatore di rifiuti pericolosi e non a Cassola

  3. Pingback: L’Eni potenzia la raffineria con l’ok della Regione. E ammette: “Più emissioni” | No gassificatore di rifiuti pericolosi e non a Cassola

  4. Pingback: Soldi per la scuola o per la TAV? | No gassificatore di rifiuti pericolosi e non a Cassola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...