Comune di Cassola/Informazione

TROPPA POLVERE NEGLI ARMADI PER FAR ENTRARE LA COMMISSIONE?

TROPPA POLVERE NEGLI ARMADI

PER FAR ENTRARE LA COMMISSIONE?

 

 

CASSOLA:

Il sindaco: «Non siamo magistrati»

 Una commissione deve indagare

sul gassificatore

Si riaccendono a Cassola le polemiche sul gassificatore.

Il gruppo cittadino della Lega Nord ha presentato all’Amministrazione la richiesta di istituire una commissione consiliare d’inchiesta per far luce su certi aspetti della vicenda.

In particolare, la lega ritiene indispensabile istituire tale commissione, formata da rappresentanti di ciascun gruppo consiliare, per effettuare degli accertamenti sui comportamenti tenuti dagli organi elettivi e dai responsabili degli uffici comunali in merito alla questione.

Nel prossimo Consiglio, fissato per il 10 aprile,la lega presenterà quindi  all’Amminlstrazione una proposta di delibera per l’istituzione della commissione, da inserire all’ordine all’ordine del giorno del Consiglio successivo.

Interpellato il sindaco di Cassola, SilvIa Pasinato ha già lasciato presagire quale sarà la presa di posizione della maggioranza sulla richiesta leghista.

“Una commissione d’indagine sarebbe profondamente offensiva verso I responsabili degli uffici comunali perché comporta un’accusa preventiva nel loro riguardi.  Se la Lega pensa che qualcuno abbia compiuto degli illeciti, può rivolgersi alla Procura della Repubblica.  Come può il Consiglio comunale arrogarsi il diritto di “Indagare”?   Le indagini spettano alla magistratura, non ai consiglieri. È una richiesta presuntuosa.”

Il sindaco ha inoltre confermato che il progetto del gassificatore, allo stato attuale, è “ritirato”.

Ritirato, ovviamente, non significa che la ditta Karizia non possa ripresentarlo.

L’Azienda, comunque,  sempre a detta del sindaco, non sarebbe intenzionata.

“Dopo tutto quello che ha passato” ha concluso Pasinato, “non credo proprio che la ditta voglia ripresentare il progetto”

E.S.

Il Giornale di Vicenza: 30 marzo 2013

Giornale di Vicenza - 30-03-13.jpg

(Clicca sull’immagine per ingrandirla)

 

E chi ha mai parlato di “Illeciti” si tratta solamente della ricerca di “possibili, eventuali” errori, nessuno è infallibile o forse no, voi lo siete?

E’ stato chiesto un controllo, un accertamento, una verifica, che tutto può essere ma non un atto di accusa preventiva, può essere considerato tale se già a priori si sia al corrente che qualcosa è stato tenuto nascosto, modificato, creato ad arte, insabbiato, mistificato, riveduto e corretto ecc. ecc. ecc.

Insomma, per farla breve, prima l’ex sindaco VUOLE far chiarezza è venire a capo della VERITA’, poi l’attuale sindaco, dichiara che LORO NON SONO DEI MAGISTRATI e pertanto la ricerca della verità verrà posticipata a quando qualcuno la richiederà tramite la magistratura o altri organi competenti.

Poi, tanto per cambiare, dichiarano essere “DEI PRESUNTUOSI E ARROGANTI” quelli che vanno in cerca di VERITA’, stranamente non li ha definiti anche “IGNORANTI” è un termine che ultimamente va molto di moda tra le file della maggioranza nei consigli comunali di Cassola, oltre al gioco della dama (o qualcosa del genere, dal filmato non si capisce bene a cosa stiano giocando, ma è evidente che stanno giocando con un cellulare) oltre naturalmente all’invio/ricezione di SMS a raffica.

Insomma, almeno mettetevi d’accordo, il primo, a parole voleva addirittura istituire un gruppo di lavoro coinvolgendo perfino i cittadini ed i membri del comitato, l’altra invece si avvale della facoltà di non rispondere e se mai lo dovesse fare, lo farà solo se richiesto dalla magistratura.

Chissà perché hanno così tanta paura della verità, magari sotto la polvere e le ragnatele dell’anno appena passato, ci si potrebbe trovare talmente tanto disordine che, come farebbe ogni brava massaia se avesse un po’ di disordine in casa, non vuole far entrare gli ospiti?

TRASPARENZA, una parola che dice tutto ed il contrario di tutto, ma che, in ogni caso a Cassola non va di moda e mai lo sarà fintanto che avremo ………………..

Avete l’occasione per dimostrare di fronte alla cittadinanza tutta che non c’è nulla da nascondere, approfittatene!

 p.s.

Se non lo aveste capito, lo chiariamo di nuovo, il progetto per il Gassificatore è stato solamente RITIRATO, per cui potrebbe essere ripresentato anche domani, indipendentemente da quelle che sono le dichiarazioni di tizio o caio, hanno speso, o almeno lo hanno dichiarato, 350.000 euro solo di progetto, pensate davvero che lo butteranno nel W.C.?

Le Premesse ci sono tutte, e approfittando di qualche ACCORDO SEPARATO, in virtù del fatto che, secondo alcuni, un inceneritore è un insediamento di “INTERESSE PUBBLICO” e viste le premesse, (con l’etichetta di interesse pubblico è stata passata una fabbrica di abbigliamento sportivo e un autotrasportatore in piena zona agricola), figuratevi se non possono riprovare a far passare un INCENERITORE.

 Armadi in Disordine

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...