Comune di Cassola

I CERCHI MAGICI A CASSOLA …… AGGIORNAMENTO

I CERCHI MAGICI A CASSOLA

AGGIORNAMENTO !

Il 21 gennaio scorso, abbiamo pubblicato una piantina con i 7 cerchi magici, quelli dei caselli autostradali, (che poi autostradali non sarebbero, in quanto importanti personaggi avevano detto e continuano ad affermare che s tratta di una Superstrada, anche se a pagamento con caselli) quelli in cui, sulla base dell’art. 38 del PTCR della Regione Veneto, la stessa a suo insindacabile giudizio potrebbe definire cosa sarebbe stato possibile costruire, dai centri commerciali, ad industrie di ogni tipo, incluse quelle insalubri e quelle per il recupero, trattamento e/o incenerimento dei rifiuti.

 Oggi, aggiorniamo la piantina,  oltre ad indicare i terreni che potrebbero essere oggetto di espropri, sempre perché definibili di “Pubblica Utilità” nel raggio dei due chilometri dai caselli, abbiamo aggiunto quelli, sempre espropriabili in quanto ricadenti nel raggio di due chilometri dalle stazioni ferroviarie “Locali” ed abbiamo indicato i confini di Cassola, la parte in rosso è quella che non ricadrebbe nell’ambito di applicazione dell’art.38 tutto il resto è dentro.

 Mappa confini Cassola + Rosso

 Disegno non in scala – Per ingrandire cliccate sull’immagine

Ribadiamo, ancora una volta, che si tratta solamente di una un’ipotesi, ma un’ipotesi che potrebbe tramutarsi in realtà se venisse applicato l’articolo 38 del PTRC Regionale, già più volte pubblicato.

Certo è che oltre a quanto stanno di fatto già espropriando in nome della nuova Pedemontana Veneta la superficie complessiva ricadente nell’ambito di applicazione di quanto previsto al PTRC è immensa.

Nei soli comuni indicati equivale a 12,56 Chilometri quadrati, ma ci si rende conto di cosa si stà facendo a questo nostro già massacrato territorio?

Scordiamoci gli asparagi DOC, già a Cassola 17.000 mq di terreno in cui si coltiva l’asparago sono stati passati a industriale, anzi, con l’arrivo della Pedemontana, il sindaco si Cassola ha già fatto un accordo di programma “separato” con il commissario Vernizzi ad uso esclusivo di due ditte “Private” definendolo di “Pubblica Utilità” (su bassano net ulteriori e più ampie spiegazioni) riportiamo solo una frase che chiarisce il concetto

Tratto da Bassano Net – “Per il Comune di Cassola, la realizzazione dei nuovi insediamenti produttivi e il prolungamento di via Croceron “rispondono ad esigenze di pubblica utilità”  

E questo è il link all’artico e alla discussione completa:  http://notizie.bassanonet.it/attualita/12241.html

Siamo sicuri che nei nostri comuni il concetto di “Pubblica Utilità” sia stato compreso per quello che è il suo vero significato?

Leggevamo in questi giorni un commento su un forum pubblico, nel quale veniva spiegato che la “Pubblica Utilità” così come il “Bene Comune” non sono una gran pignatta in cui ci si può affondare le mani e farci quello che si vuole, al contrario, proprio perché pubblica e comune si deve rispondere ai cittadini, che sono i veri proprietari a tutti gli effetti di questo bene “pubblico” di come lo si gestisce e di come esso viene utilizzato.

A Bassano, non hanno motivi di grande preoccupazione, di terreno ancora non edificato ne resta assai poco, il Megacentro Commerciale è ormai una realtà, e sono stati fatti talmente tanti altri piccoli e medi centri commerciali e direzionali che non si distingue più dove finisce Bassano e dove comincia Rosà.

Giusto per memoria rammentiamo che sono definiti di pubblica utilità anche le attività di gestione, trattamento, stoccaggio, lavorazione ed incenerimento (Naturalmente, evidenziando una fantasia molto “Italiana” per non impaurire le persone, chiamano questi insediamenti Termovalorizzari o Gassificatori, nomi che in realtà cercano di nascondere e camuffare la realtà), pertanto non meravigliatevi se, come hanno proposto a Cassola, a Rosà e Bassano, un giorno vedrete nascere nuovi cantieri in piena zona residenziale, sono in zona strategica e per di più sono di pubblica utilità.

Troverete sicuramente quello che vi dirà “ma in qualche posto bisognerà pur mettere i rifiuti” state tranquilli quelle persone abitano ben distante da questi insediamenti, o magari un altro vi dirà “Con la Gassificazione recuperiamo oro, argento e metalli preziosi in genere” A parte che come dimostrato da varie relazioni, non recuperavano niente, resta il fatto che loro magari fanno su milioni su milioni (non fosse altro che per i contributi statali) a noi resta l’inquinamento e se ci abitiamo vicini, resta anche il deprezzamento consistente delle nostre case, dei nostri campi e di tutto quanto circonderà quelle attività.

Ma niente paura, tutto questo aiuta la crescita, crea posti di lavoro e soprattutto il loro inquinamento sarà controllato dai tecnici ARPAV e abbiate fede, sarà sempre al di sotto della soglia massima prevista.

Siamo consapevoli che il problema dei rifiuti esiste, anche se negli ultimi anni la quantità prodotta pro-capite è diminuita di molto, ma, senza voler innestare inutili e sterili polemiche, vorremmo far notare che nei nostri territori l’edificazione non è stata molto ben programmata e meno che mai lungimirante, risultato gli insediamenti industriali sono inseriti capillarmente nelle zone residenziali con quanto ne consegue.

Concludiamo facendo gli auguri a chi abita vicino ai luoghi ove sono state già previste le seguenti attività:

Spazzatore di Rosà (mai bocciato, ma semplicemente stralciato dal consiglio comunale)

Gassificatore in quartiere Prè a Bassano (quello con il progetto dell’Etra già approvato),

Deposito di Oli quartiere Prè,

Il Gassificatore  (mai bocciato ma solo ritirato) a Cassola

Nuovo impianto di Frantumazione in piena zona residenziale di Cassola

Depositi di Stoccaggio, Trattamento, e Recupero di rifiuti pericolosi e non Anche questo, tanto per cambiare, a Cassola,  e se non bastasse sopra la falda a cui attinge il pozzo sito nel comune di Rossano Veneto.

E questi sono solamente i progetti noti, di cui il 50% a Cassola, chissà come mai, visto che il sindaco nel suo programma elettorale al quarto punto aveva scritto: Divieto di insediamento per le attività produttive dannose per l’ambiente, quanti ce ne saranno ancora in programma?????

Giusto perché poi non ci siano equivoci questo era parte del programma del sindaco di Cassola

Per ingrandire cliccate sull’immagine.

Programma Silvia

 

Non dimentichiamoci di firmare la petizione on line a questo link

http://www.petizionepubblica.it/PeticaoVer.aspx?pi=P2012N34038

O, se lo preferite nei Gazebi che saranno allestiti a breve nei nostri paesi.

Firma

Annunci

2 thoughts on “I CERCHI MAGICI A CASSOLA …… AGGIORNAMENTO

  1. Pingback: L’autostrada la finanzia il risparmio postale | No gassificatore di rifiuti pericolosi e non a Cassola

  2. Pingback: Dalla Regione Veneto | No gassificatore di rifiuti pericolosi e non a Cassola

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...